Redazione Paese24.it

Castrovillari, la scuola manda gli studenti al Tribunale

Castrovillari, la scuola manda gli studenti al Tribunale
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

20150214_131642Continuano gli eventi finalizzati all’educazione alla legalità per gli studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri “Pitagora-Calvosa”, diretto da Franca Eugenia Guarnieri. L’ultima esperienza è stata una simulazione presso il Tribunale dei minori di Catanzaro per capire le dinamiche della giustizia e prendere coscienza dei ritmi di un processo.

Quarantasette alunni delle prime, seconde e terze classi dell’Istituto castrovillarese, accompagnati dai docenti Patrizia Mauro, Domenico Lo Polito e Frascino, hanno partecipato – con la regia del Presidente del Tribunale, Luciano Trovato e l’assistenza del dottor Eboli, coordinatore del progetto – alla simulazione di un processo a carico di giovani accusati di uso e spaccio di sostanze stupefacenti nell’ambito di una scuola. Prima di vestire i panni degli attori, i ragazzi hanno incontrato vari funzionari della Procura, inaugurando una serie di incontri che il Tribunale avrà con le scuole delle province di Cosenza, Crotone, Vibo e Catanzaro.

Gli alunni Giovanni Paolo Tursi (Pm), Leone Di Leone (medico), Paolo Donato, Salvatore De Cicco, Cristofer Giordano e Gabriele Di Leone (imputati), Anisia Monteleone (difesa), Matteo Milano (Presidente), Vincenzo Kalina Laudadio, Gianmaria Notaristefano e Giovanni Muzzalupo (testi), Ilenia D’ingianna (parte offesa), Vincenzo Giannitelli (Carabiniere), Vincenzo Avolio, Chiara Cosenza, Luca Oliva, Federica Aiello, Gianiro Bruno, Giovanna Pace, Fabiana Laino, Giambattista Sola, Melania Lento, Vladimir Rinaldi si sono avvicendati nell’aula di tribunale per portare a compimento il processo e la sentenza che ha visto – sempre nella simulazione – la condanna degli imputati ed il conseguente percorso di riabilitazione dichiarandosi pentiti e desiderosi di riscatto.

Federica Grisolia

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *