Redazione Paese24.it
COMMENTI

Corigliano, inaugurato il progetto S.O.La.Re. Servirà a incentivare l’occupazione giovanile

Corigliano, inaugurato il progetto S.O.La.Re. Servirà a incentivare l’occupazione giovanile
Diminusci Dimensioni Aumenta Dimensioni Dimensioni Testo Stampa Articolo
Download PDF
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Corigliano prova a incentivare l’occupazione giovanile attraverso lo sportello sperimentale Formez. Il punto di incontro, inaugurato grazie al Fondo Sociale Europeo, Formez PA, il Progetto S.O.La.Re (servizi per l’occupazione e il lavoro in rete) avrà nel comune del basso jonio uno dei primi sportelli sperimentali.  «L’obiettivo – fanno sapere dall’amministrazione comunale coriglianese – è quello di favorire l’occupazione giovanile con lo scopo di spingere i giovani non occupati e non iscritti a corsi di istruzione ad inserirsi nel mercato del lavoro. Lo strumento attraverso il quale si concretizza questo progetto è la condivisione delle informazioni tra domanda e offerta di lavoro».

Il progetto prevede la realizzazione di reti tra soggetti abilitati e in particolare tra istituti di scuola superiore di secondo grado, università pubbliche e private, province, consorzi, comuni, molti altri enti, associazioni e singoli cittadini. Nei territori individuati verrà valutato lo stato dei servizi al lavoro e si attiveranno momenti di scambio con le figure principali degli enti coinvolti. Lo scopo principale sarà quello di integrare nella sperimentazione il maggior numero di soggetti possibili dando loro le informazioni necessarie per meglio operare nell’ambito del servizio al lavoro. I soggetti principalmente coinvolti saranno gli uffici provinciali, i Centri per l’Impiego, i comuni e le scuole.

Al termine di tale iter le amministrazioni coinvolte che sono in fase di formazione, saranno in grado di potersi scambiare dati utili come, ad esempio, il format di compilazione di un CV, di una domanda di lavoro, fascicoli elettronici, monitoraggio, realizzazione di un business plan, realizzazione di un software di valutazione.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *