Redazione Paese24.it

Castrovillari, Governo Monti sott’accusa. «Politica del rigore solo per fasce deboli». Cgil in piazza

Castrovillari, Governo Monti sott’accusa. «Politica del rigore solo per fasce deboli». Cgil in piazza
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

«La grave condizione economica e sociale del paese, resa più acuta dagli ultimi provvedimenti del governo in materia di liberalizzazioni, di pensioni e i recenti provvedimenti sul mercato del lavoro, hanno determinato un pericoloso arretramento delle condizioni di vita di milioni di italiani, delle famiglie, dei lavoratori e dei pensionati. Il Paese e le aree più svantaggiate come il mezzogiorno e la Calabria vivono una fase recessiva che sta producendo paura e sfiducia tra i cittadini». La Cgil torna in piazza con un manifestazione a Castrovillari indetta parallelamente allo sciopero generale territoriale di otto ore, martedì 17 aprile.

«Il governo Monti, che è nato con l’obiettivo di agire con equilibrio, equità e giustizia sociale, con le sue scelte, sta causando pericolosi conflitti sociali mettendo a rischio la coesione del paese – continua la nota stampa a firma di Angelo Sposato, Segretario Generale Cgil Comprensoriale (nella foto-. La politica del rigore del governo  viene applicata solo alle fasce più deboli, non si praticano politiche tese alla crescita e allo sviluppo, non si da alcuna risposta ai giovani e alla dilagante disoccupazione, si restringono le protezioni sociali e le pensioni  e si mettono  in discussione i diritti, come sta avvenendo con i provvedimenti  previsti dal ddl sul lavoro».

La giornata sarà caratterizzata da una manifestazione che si svolgerà a Castrovillari al Cinema Ciminelli nei pressi di Piazza Municipio con inizio alle 09.30 e prevede, oltre all’astensione dal lavoro, anche un momento di confronto sui temi dello sviluppo e del lavoro, della legalità,  che coinvolga i lavoratori e le lavoratrici del territorio, ma anche i pensionati, i giovani, gli studenti, le donne, le associazioni, le Istituzioni e la società civile per  creare una grande rete sociale e istituzionale in un territorio ed una regione martoriata come la Calabria.

v.l.c.

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *