Redazione Paese24.it

“Vivere Trebisacce” apre campagna elettorale. Mundo: «Daremo il via ad una rivoluzione culturale»

“Vivere Trebisacce” apre campagna elettorale. Mundo: «Daremo il via ad una rivoluzione culturale»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Dopo la lista n. 1 “Trebisacce Futuro”, anche la lista n. 2 “Vivere Trebisacce” ha rotto gli indugi e si è presenta alla città dando vita ad una vera e propria “Convention” in piazza (nelle foto).

Dopo la presentazione, ha aperto i lavori il capo-lista Franco Mundo che, dichiaratosi un pò emozionato per la presenza di tanta gente, ha salutato le autorità civili (il Commissario), quelle religiose, le associazioni e le forze politiche di centrosinistra che hanno dato vita alla coalizione ed ha inviato un segnale di stima ed un saluto agli avversari politici «che, – ha detto Mundo impegnandosi per una competizione civile e democratica – in questo contesto vivono le stesse ansie e le stesse emozioni».

Subito dopo ha presentato il progetto politico della sua compagine e risposto a talune “provocazioni” degli avversari. «Il 6/7 maggio – ha proseguito l’avvocato Mundo – sarà una data storica per la cittadina jonica perché daremo l’avvio ad una vera rivoluzione culturale: non più un voto “contro” qualcuno, come è stato finora, ma un voto “a favore” di un progetto politico che rimetta in moto un paese dimesso, degradato, ripiegato su se stesso… e, per sconfiggere il qualunquismo, ci siamo affidati ad una coalizione politica, aperta alla società, perché – ha aggiunto Mundo riferendosi al suo antagonista – un sindaco non si inventa, né lo si cala dall’alto. Nel nostro caso sono stati i partiti a convergere sulla mia persona, riconoscendo il mio impegno (alla Provincia) ed il forte radicamento al territorio».

Poi Mundo ha parlato di se stesso e del suo cognome: «Nessuna eredità, perché ho costruito con impegno e passione il mio percorso politico, ma sono fiero e orgoglioso di appartenere ad una grande famiglia ricca di valori morali, che nel passato ha avuto un ruolo importante. Della storia politica locale – ha aggiunto Mundo riferendosi allo zio Antonio Mundo, a lungo sindaco di Trebisacce – ognuno esprime un giudizio personale ed io ho il mio, ma non possiamo nasconderci le tante cose buone fatte, da cui vogliamo ripartire, liberi però da ogni tipo di vincolo».

Poi Mundo ha spiegato come è nata la lista e le difficoltà per far quadrare il cerchio. «Una lista fatta di giovani, di donne e di un pò di esperienza che ha voluto segnare un forte rinnovamento». Non è mancata ovviamente qualche battuta polemica sulla chiusura dell’ospedale «avvenuta –ha detto Mundo – nel totale silenzio di chi poteva far sentire la propria voce e non l’ha fatto» e contro chi ha parlato di “dinastìa monarchica”: «Monarchia – ha detto Mundo – non equivale a tirannìa, anche se dalle nostre parti qualche tirannello è vivo e vegeto». Mundo ha infine contestato tra gli avversari la presenza di «qualche candidato di lungo corso, tra i quali – ha detto Franco Mundo– non vedo l’ex sindaco Bianchi (che stimo e che saluto). Noi – ha concluso il candidato a sindaco di “Vivere Trebisacce” presentando ad uno ad uno la propria squadra – siamo un’altra cosa e siamo impegnati per restituire ai trebisaccesi una città nuova: pulita, accogliente, decorosa e vivibile».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *