Redazione Paese24.it

Nella morsa della neve. A Campana due morti per il freddo

Nella morsa della neve. A Campana due morti per il freddo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Non accenna a placare l’emergenza maltempo in alcune cittadine del basso jonio e della Sila Greca. Mandatoriccio è da ormai cinque giorni senza energia elettrica, senza acqua, senza linea telefonica mobile e fissa e senza gas, con contrade isolate e strade impraticabili. L’esecutivo cittadino, guidato da Angelo Donnici, ha annunciato azioni legali «contro chi sta contribuendo all’isolamento della città». Intanto fanno paura le nuove precipitazioni e le preoccupanti allerte meteo.

«A distanza di quattro giorni –ha spiegato l’assessore comunale Mazza – l’Enel non è purtroppo riuscita ancora a riparare il guasto al sistema elettrico. Il comune è stato dotato di diversi gruppi elettrogeni, ma al momento ne funziona uno solo; insufficiente al fabbisogno di un’intera e grande comunità come la nostra. I cittadini sono di fatto senza risposte. Ci riserviamo – ha concluso l’assessore – di intraprendere ogni azione per verificare le responsabilità della cattiva gestione di questa pesante emergenza».

Se la situazione tende a migliorare leggermente a Pietrapaola, a Campana e Caloveto le condizioni meteo restano critiche.

La strada provinciale che collega il centro abitato di Campana con il resto del territorio è, infatti, nuovamente impraticabile a causa delle precipitazioni nevose che in queste ore stanno, nuovamente, interessando i piccoli comuni dell’entroterra. Campana è stato dotato di diversi gruppi elettrogeni, al momento non funzionanti o comunque insufficienti a fornire energia elettrica alla comunità. La temperatura nelle case, per l’assenza di riscaldamenti, non supera i 5 gradi. «Sono rimaste senza risposta – ha dichiarato il sindaco di Campana Pasquale Manfredi – le diverse richieste d’intervento inoltrate all’indirizzo della protezione civile regionale. Solo l’esercito può liberare il paese dalla neve». Due persone anziane sono morte a Campana per cause legate indirettamente alle nevicate dei giorni scorsi. Lo ha reso noto il sottosegretario alla Protezione civile alla Regione Calabria, Franco Torchia, intervenendo alla Conferenza delle Regioni sul maltempo. Uno dei due anziani ha avuto un infarto martedi’ scorso mentre spalava la neve, mentre l’altro e’ stato trovato stamattina nella sua abitazione, dove viveva solo, e sarebbe deceduto per il freddo.

A Caloveto, invece, da 4 giorni mancano energia elettrica, acqua e gas. Il centro abitato, al contrario delle contrade, non è isolato. Difficile da raggiungere al momento, la casa per anziani che ospita più di 60 persone.

Situazione difficile anche nelle montagne del rossanese. Nelle scorse ore, un’operazione congiunta del Corpo forestale e dei vigili del fuoco, ha permesso di soccorrere alcune famiglie isolate nelle località di S.Onofrio e Cozzo Simari. L’amministrazione comunale ha inoltre sollecitato i vertici dell’Enel per ripristinare la fornitura elettrica nelle contrade al buio.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *