Redazione Paese24.it

Trebisacce, sindacati criticano coordinamento infermieristico Lungodegenza

Trebisacce, sindacati criticano coordinamento infermieristico Lungodegenza
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Dirigenti Uil chiedono un nuovo direttore Uoc: «Situazione ai limiti della legalità»

Download PDF

«Gravi anomalie che da anni e senza un effettivo intervento amministrativo continuano a registrarsi nel reparto di Lungodegenza del Centro assistenza primario territoriale “Chidichimo” di Trebisacce». E’ quanto denunciano i dirigenti provinciali della Uil – Federazione poteri locali, Giovanni Valentino e Vincenzo Leonetti, che hanno così deciso di scrivere alla Direzione generale dell’Asp di Cosenza, per chiedere «l’immediato ripristino della legalità, partendo dalla nomina di un nuovo direttore dell’unità operativa». I sindacati, parlando di «coordinamento infermieristico duplicato», insorgono poiché, ad oggi, «l’Asp di Cosenza corre il rischio di pagare due posizioni organizzative simili e tra loro conflittuali».

«L’affidamento dell’incarico di coordinamento infermieristico – affermano i due rappresentanti sindacali – oltre che illegale, è anche superfluo ed inopportuno, in quanto, nella struttura sanitaria, esiste già una figura professionale di capo sala».

Ciò che lamentano è un «continuo clima di tensione vissuto dal personale infermieristico, dagli ausiliari e dagli operatori sanitari, a causa di un’organizzazione del lavoro disomogenea ed impropria, sotto l’aspetto logistico, ma soprattutto relativo all’utilizzo delle risorse umane. Stante tale condizione di lavoro, all’ospedale di Trebisacce – avvertono Valentino e Leonetti – il rischio esasperazione per il personale è ai massimi livelli di guardia ed il perdurare di questa situazione, divenuta intollerabile, rischia di avere gravi ripercussioni sulla qualità dell’assistenza».

Altro aspetto su cui si soffermano i due dirigenti della Uil è «lo spreco di risorse umane dovuto alla «disposizione ed organizzazione logistica assegnata alla Lungodegenza e alla Residenza sanitaria assistenziale medicalizzata. Alla luce di ciò – affermano – sarebbe necessario valutare l’opportunità di nominare una commissione ad acta per monitorare le modalità e i criteri adottati per i ricoveri e la verifica delle autorizzazioni e dell’utilizzo delle ore di lavoro straordinario».

Valentino e Leonetti parlano di una «situazione ai limiti della legalità, le cui gravi responsabilità di gestione sono da ricercarsi nell’attività manageriale del direttore dell’Uoc. Ecco perché, al fine di porre fine a questa difficile condizione di disagio ambientale e organizzativo – concludono i due sindacalisti – confidiamo nell’Azienda sanitaria affinché metta in atto azioni migliorative, partendo proprio dalla nomina di un nuovo direttore dell’unità operativa».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *