Redazione Paese24.it

Trebisacce, scatta l’ordinanza per gli ambulanti. Multe fino a 3mila euro

Trebisacce, scatta l’ordinanza per gli ambulanti. Multe fino a 3mila euro
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Giro di vite dell’amministrazione comunale nei confronti dei commercianti ambulanti molti dei quali, oltre ad evadere i tributi previsti a favore del Comune, esercitano concorrenza sleale e ledono gli interessi dei commercianti a posto fisso che, oltre al fitto dei locali ed ai servizi annessi e connessi, sono oberati da un maggiore carico fiscale. Per la verità non si tratta solo di neutralizzare il dilagare degli ambulanti extracomunitari, ma di mettere ordine anche nei confronti di chi dall’oggi al domani si improvvisa commerciante e occupa ogni angolo di strada, mettendo a rischio anche la circolazione stradale, per mettere in mostra e vendere prodotti talvolta anche di dubbia provenienza.

Ecco allora che per disciplinare tutto il settore del commercio itinerante, mettere un freno al dilagare del fenomeno e mettere le Forze dell’Ordine nelle condizioni di poter azionare, se è il caso, il loro potere sanzionatorio, il sindaco Franco Mundo ha emesso un’Ordinanza tesa a disciplinare tutta la materia nella quale ha ricordato le disposizioni emanate con apposite delibere in ordine soprattutto ai mercatini dell’orto-frutta di tipo giornaliero, settimanale, quindicinale e mensile, indicandone precisamente i giorni (materdì, giovedì e sabato) ed i luoghi (rioni Pagliara, San Martino e Sant’Antonio) in cui si possono e si devono svolgere. Ogni altro abuso, secondo quanto si legge nella stessa ordinanza, potrà essere punita con un’ammenda che varia da 516 euro fino a 3mila euro.

Pino La Rocca

Share Button

One Response to Trebisacce, scatta l’ordinanza per gli ambulanti. Multe fino a 3mila euro

  1. Luigi 2015/04/08 at 04:10

    Gli interessi dei “SINGOLI” prevalgono su quelli della COLLETTIVITA’ , è una vecchia, vecchia storia tipicamente LOCALE

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *