Redazione Paese24.it

San Donato di Ninea, maltempo. Danni stimati per un milione di euro

San Donato di Ninea, maltempo. Danni stimati per un milione di euro
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Un'istantanea dei danni causati dal maltempo a San Donato di Ninea

Le elevate precipitazioni e le forti raffiche di vento che per alcuni giorni si sono abbattute sul comune di San Donato di Ninea hanno provocato notevoli danni sul territorio e situazioni di pericolo diffuso per i residenti. Stando a una prima e sommaria valutazione si parla di danni per quasi un milione di euro. La situazione più preoccupante si è avuta in pieno centro abitato,  dove una grande quantità di acqua si è riversata su di un costone già in parte franato, per l’ostruzione del canale di raccolta del vallone Sellaro; il canale è stato ripristinato nelle ore successive all’evento grazie all’intervento degli operai comunali.

Si segnalano inoltre alberi caduti in diverse località e sulle strade, con danni alle abitazioni e all’illuminazione pubblica. Lo sversamento dei torrenti ha provocato inoltre forti problemi di circolazione nelle strade limitrofe, bloccando la viabilità in diversi punti strategici; le emergenze maggiori si segnalano in località Monache e Piano di Lanzo, dove è interrotta la transitabilità a causa di numerose frane. Risultano danneggiati inoltre il “Centro Visita del Parco Nazionale del Pollino”, alcuni fabbricati situati in località Cutura, la sede Municipale, la Chiesa dell’Assunta di località Motta e la Chiesa di San Francesco di Contrada Licastro.

Con il miglioramento delle condizioni climatiche è stata ripristinata la parte di illuminazione  danneggiata, mentre si procede tuttora alla stima dei danni e alla messa in sicurezza nelle zone più colpite dagli eventi climatici. Il sindaco De Rose precisa che tutte le forze sono state dispiegate “per riportare a uno stato di sicurezza tutti i luoghi e i beni interessati dal maltempo” e per limitare “i pericoli imminenti per la pubblica incolumità e per gli eventuali rischi diretti alle persone”.

Luigi Adinolfi

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *