Redazione Paese24.it

Oriolo, Palazzo di Città diviso dalla frana

Oriolo, Palazzo di Città diviso dalla frana
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Diego risponde alla Colotta

Download PDF

La frana che ha colpito Oriolo non solo ha spaccato strade, ponti, devastato strutture e abitazioni, ma ha anche diviso in maniera netta il mondo politico. Una scissione che vede protagonisti l’attuale esecutivo guidato dal Sindaco Giorgio Bonamassa e dal suo vice, Vincenzo Diego, e la Capogruppo di Minoranza, Simona Colotta. La polemica scoppia a seguito delle dichiarazioni espresse dalla Colotta qualche giorno fa, in cui affermava il proprio rammarico per il mancato interesse dell’Amministrazione Comunale a voler accogliere le istanze della minoranza e del Partito Democratico per effettuare congiuntamente la deliberazione di richiesta dello stato di emergenza e di calamità naturale. Da qui la replica dell’esecutivo in carica, a firma del Vicesindaco Diego e dell’assessore Nicola Pugliese, i quali non hanno perso tempo per ribadire la chiara volontà dell’Amministrazione, freneticamente impegnata a garantire la sicurezza delle strutture e dei luoghi e di ridare un tetto a quei cittadini tuttora senza casa, a non voler escludere nessuno in questo momento storico così delicato.

«Non vuole essere questa una risposta polemica alle dichiarazioni fatte da Simona Colotta,  non è il tempo, e non sarebbe giusto nei confronti dell’intera Comunità che sta conoscendo giorni difficili, ma che sta reagendo con dignità, consapevolezza, e solidarietà. Il grazie va di cuore a tutti, veramente a tutti. Sono stati giorni difficili, intensi, concitati, bisognava reagire presto, decidere in  fretta, lavorare guardandoci negli occhi, senza “ignorare nessuno”. Il municipio è stato ed è aperto giorno e notte, chi ha voluto dare consiglio e aiuto è stato ascoltato, come giusto, ma nelle fasi emergenziali  non si guarda l’orologio, e i percorsi si costruiscono minuto dopo minuto, ora dopo ora. La delibera è stata costruita lavorando freneticamente e senza sosta, abbiamo cercato di contattarti, l’abbiamo fatto davvero, come hai potuto verificare dai messaggi sul tuo telefonino; era tardi. Ma come detto non si lavora con l’orologio e il calendario davanti agli occhi, la delibera si stava costruendo in quei momenti, istante dopo istante, ci comprenderai. La nostra cultura ci porta a lavorare insieme, siamo persone aperte al dialogo, al confronto, per questo cara Simona ti preghiamo di misurare le parole, analizzando i fatti e le circostanze».

Intanto continua il lavoro di messa in sicurezza dell’abitato, con le risorse, poche, a disposizione, e la forza, immensa, dei cittadini di Oriolo, che vogliono rialzarsi e insieme rimettere in piedi il proprio paese, senza sentire il bisogno di inutili polemiche. «Stiamo lavorando e correndo – concludono Diego e Pugliese –  vogliamo fare bene e in fretta, corri per queste ragioni nobili, se vuoi, insieme a noi, lasciando da parte le schermaglie politiche e di partito, ci sarà tempo per queste, ci confronteremo, ma non ora. Oriolo, oggi, ha bisogno di tanto, di tutto e di tutti, tranne di polemiche inutili, fuori luogo e soprattutto senza fondamenta».

Giovanni Pirillo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *