Redazione Paese24.it

Rocca Imperiale. Per un giorno alla corte dell’Imperatore Federico II

Rocca Imperiale. Per un giorno alla corte dell’Imperatore Federico II
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Una rievocazione storica del passaggio di Federico II in terra di Calabria. Nel medioevo dei castelli, delle dame e dei cavalieri. Il comune di Rocca Imperiale rientra nel ciclo itinerante di tre appuntamenti rievocativi promossi dall’associazione “Itineraria Bruttii” e  dall’assessorato alla Cultura della Regione Calabria, in collaborazione con enti ed associazioni di settore.

Rocca Imperiale, Santa Severina (Crotone) e Cosenza, le tappe del cartellone “Aspettando Federico II”.  Si parte proprio dal “Paese dei limoni e della Poesia” e dal suo imponente maniero federiciano, mercoledì 25 aprile. Una giornata all’insegna della storia, curata in maniera dettagliata negli allestimenti e nei costumi per accompagnare il visitatore nell’anno mille, alla corte di Federico II, lo “stupor mundi”, appassionato di cavalli, falconeria e di castelli.


L’associazione “Itineraria Bruttii”, guidata da Paolo Gallo è operativa dal 2004 e costantemente impegnata attraverso eventi del genere “living history”,
ma anche mediante azioni di formazione e didattica, a promuovere i Beni Culturali come volano per lo sviluppo turistico e soprattutto come motore per un rilancio dell’economia regionale e quindi con il sano intento di produrre occupazione. Tra il direttore Paolo Gallo e il sindaco di Rocca Imperiale Ferdinando Di Leo è nata subito quell’unità di intenti che ha permesso l’organizzazione di un evento unico nel suo genere, il quale non poteva non avere il beneplacito dell’assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri.

Rocca Imperiale aprirà, dunque, il suo castello dalle 10,30 con i visitatori accolti da mostre e laboratori di arceria e di tortura medievale, con esposizioni di oggetti d’epoca come gogna, mannaia, gabbia di sospensione e cinture di castità. E ancora, spettacoli di giocolieri, mangiafuoco e giullari dell’associazione “Nuncepace”. Mentre nel fossato il gruppo dei “Cavalieri delle Terre Tarantine”si esibirà in dimostrazioni di tiro con l’arco e combattimenti. Il piccolo comune dell’Alto Jonio cosentino, non nuovo a simili iniziative, si trasformerà per un giorno in un borgo medievale. Finanche durante la pausa pranzo, dove i ristorantini del centro storico serviranno pietanze tipiche di corte.

Il momento clou della giornata si avrà nel pomeriggio quando alla spettacolare performance degli sbandieratori di Bisignano, seguirà il suggestivo spettacolo dei falconieri che dal vallone roccioso che si inerpica sul castello libereranno nell’aria splendidi esemplari di falchi che si rincorreranno nel panorama mozzafiato della vallata.

Seguirà alle 17,30 il corteo storico “Aspettando Federico II” con la partecipazione dei figuranti dell’associazione “Orizzonti Rosetanti”. Al suono dei tamburi e delle trombe il popolo esultante accoglierà  Federico II al suo arrivo al castello in compagnia di dame e cavalieri. E la festa in onore dell’Imperatore potrà dunque iniziare, con giocolieri, duelli, la danza dei veli di Diana Migliano e le note del gruppo “Odor Rosae Chorus”.

Prima di cena, attorno alle 19, visita guidata al castello, a cura dell’associazione “Antiquitas”. E ancora musiche e danze sino a tarda sera, quando una degustazione di dolci accompagnata da vino mielato (offerta gratuitamente) saluterà i visitatori richiudendo alle loro spalle le porte del castello che ritornerà così al suo antico silenzio.

Vincenzo La Camera, ufficio stampa

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *