Redazione Paese24.it

Trebisacce, salvo il distaccamento dei Vigili del Fuoco

Trebisacce, salvo il distaccamento dei Vigili del Fuoco
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

I comuni si accollano le spese. Albidona e Alessandria non partecipano

Download PDF

Trovato finalmente l’accordo tra i comuni del comprensorio per salvare e tenere in vita il Distaccamento dei Vigili del Fuoco che ha sede a Trebisacce e che è stato istituito diversi anni addietro dal ministero dell’Interno nell’ambito del progetto “Soccorso Italia in 20 minuti”. In realtà i comuni del comprensorio, volendo mantenere in vita i servizi rimanenti e scongiurare così la progressiva desertificazione del territorio si stanno accollando le spese di mantenimento delle strutture pubbliche che un tempo erano a totale carico dello Stato. Ora però bisognerà trovare una sede idonea altrimenti sarà il Comando Provinciale, così come ha fatto sapere da tempo, a chiudere il Distaccamento per motivi logistici perchè l’attuale sede è inadeguata in quanto piccola e angusta e perché la sua allocazione in pieno centro abitato non consente ai mezzi di soccorso di manovrare correttamente e celermente per far fronte alle emergenza, specie notturne, nelle quali i pompieri sono chiamati ad intervenire.

Vigili del Fuoco TrebisacceIl primo passo è comunque stato compiuto: la Convenzione redatta dal comune di Trebisacce che impegna i comuni che fanno parte della Circoscrizione in cui opera il Distaccamento ad accollarsi le spese vive secondo un riparto percentuale rispetto agli abitanti è stata condivisa da 14 comuni dell’Alto Jonio compresa Sibari. Solo i comuni di Albidona e Alessandria del Carretto non figurano tra i comuni sottoscrittori della convenzione. In base a tale accordo, che ora dovrà essere ratificato dai consigli comunali, i comuni si sono accollati le spese per le utenze elettriche e telefoniche, per acqua e gas, oltreché che per l’acquisto di un mezzo da assegnare in dotazione al Distaccamento. Stessa cosa bisognerà fare per salvare l’Ufficio del Giudice di Pace a cui si sta lavorando da tempo, altrimenti si perderà l’ultimo brandello di uno Stato che perde continuamente pezzi, soprattutto nella periferia costretta a raschiare il fondo del barile per poter mantenere in vita servizi essenziali in grado di garantire sicurezza ai cittadini.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *