Redazione Paese24.it

A Castrovillari incontro su “Garanzia Giovani”

A Castrovillari incontro su “Garanzia Giovani”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Circa 28.000 i giovani calabresi che hanno aderito finora

Download PDF

E’ stato presentato ieri (27 aprile), a Castrovillari, nella sala convegni della chiesa di San Girolamo, il progetto “Garanzia Giovani”, che offre ai giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni, privi di occupazione e non impegnati in percorsi scolastici, un’opportunità di lavoro. E sul fatto che sia un’opportunità e non la soluzione di tutti i problemi inerenti alla crescente disoccupazione giovanile, hanno concordato sia Angelo Sposato, segretario Cgil comprensoriale Pollino-Sibaritide-Tirreno, che Mimmo Lo Polito, candidato a sindaco per il Centrosinistra alle elezioni amministrative del 31 maggio.

I lavori sono stati moderati da Alessandro Di Callo, segretario dei Giovani Democratici, mentre le conclusioni sono state affidate all’on. Carlo Guccione, assessore regionale al Lavoro, che si è soffermato sui dati: «sono circa 28.000 i giovani che hanno aderito fornendo i propri profili e 4132 le realtà produttive che si sono iscritte» e sull’obiettivo dei diversi interventi messi in campo: creare nuove opportunità di lavoro. Inoltre, sono 181 gli enti provati accreditati, oltre ai Centri per l’Impiego, che medieranno tra domande e offerte.

Positive anche le altre specificazioni costituite dalla previsione nelle nuove annualità dei programmi europei del percorso di Garanzia Giovani, oltre all’ulteriore impegno profuso dall’Amministrazione regionale, attraverso i fondi per l’occupazione, diretti ad aggredire il fenomeno della disoccupazione specie quella giovanile. Sposato nel suo intervento ha sottolineato l’importanza di «unire le eccellenze del territorio per cercare di contrastare non solo la disoccupazione ma anche il problema del precariato, con particolare attenzione al distretto agroalimentare».

Il candidato Lo Polito si è soffermato, invece, sui concetti di programmazione e progettazione. «Ciò che manca – ha detto – è l’attenzione verso il futuro, a cui il territorio deve pensare partendo dalle esigenze fattive del territorio (settore dei servizi, Piani Locali per il Lavoro – PLL, salvaguardia dei posti di lavoro)».

Nell’occasione sono stati affrontati anche i temi dell’Italcementi con l’impegno ad aprire un tavolo governativo per risolvere la problematica produttiva ed occupazionale; la gravità dell’interruzione della viabilità autostradale per il crollo del viadotto Italia; l’impegno a rilanciare con un programma di assunzioni necessarie per la ripresa di tutti i servizi propri di un Ospedale spoke.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *