Redazione Paese24.it

Superbike, inizio agrodolce per il trebisaccese Ciacci

Superbike, inizio agrodolce per il trebisaccese Ciacci
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

A Misano Adriatico un ritiro e un 12^ posto per il pilota della NB Racing

Download PDF

Inizio agrodolce per Francesco Ciacci al via del Campionato italiano SBK. Il pilota di Trebisacce ha chiuso il primo weekend stagionale sul “Marco Simoncelli” di Misano Adriatico, portando a casa un ritiro ed un dodicesimo posto. Risultati anche figli dei tanti problemi che hanno afflitto la sua BMW S1000RR:
“Abbiamo pagato un inizio di stagione senza test – il commento di Francesco alla fine della due giorni di gara – se si escludono le due giornate a Misano a fine marzo, ma sfruttate per altro per prendere confidenza con la nuova moto, non abbiamo avuto altre occasioni per provare” (tra l’altro test rovinati anche essi da noie al cambio,nda). “ C’è da dire che, considerando il livello generale di quest’anno, non è tutto da buttare. Quando tutto è andato bene ho girato su un buon passo di gara, sui tempi dei primi 7- 8 in classifica”.
Gara 1 (nel CIV si corrono due gare per ogni weekend, al sabato ed alla domenica) si è risolta con un ritiro, con la moto di Ciacci rientrata ai box dopo che la gara è stata sospesa per bandiera rossa, quando i piloti avevano percorso poco più di 10 giri. Francesco in quel momento veleggiava in 12esima piazza, dopo aver recuperato dalla 21esima posizione di partenza. Una casella al via, figlia di prove travagliate, dove non è mancata una caduta, fortunatamente risolta senza conseguenze: “ Purtroppo la moto accusava dei problemi all’acceleratore, e questo mi ha portato a fare un errore, nel tentativo di sopperire. In gara invece un connettore staccato della batteria mi ha costretto al ritiro”.
In Gara 2, dopo che i ragazzi del suo team, i siciliani della NB Racing, sono riusciti a risolvere le grane alla moto, Francesco ha potuto portare a compimento la sua gara, riuscendo nuovamente a risalire dal fondo dello schieramento, superando avversari e giungere a ridosso delle top ten. Peccato, per le traversie patite in qualifica, un posto nei primi dieci era alla portata: “Nel complesso direi che come inizio di stagione posso accontentarmi, considerando la mancanza di test e i grattacapi che abbiamo avuto. Partire 21esimo ed arrivare 12esimo indica che come velocità in gara ci siamo”.
La prossima tappa con il Campionato Italiano SBK, a Roma sul tracciato di Vallelunga dal 15 al 17 maggio, ci dirà di più sulle ambizioni di Francesco per il prosieguo della stagione.

William Toscani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *