Redazione Paese24.it

Trebisacce in un click

Trebisacce in un click
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Invasioni digitali per promuovere il paese

Download PDF

Dopo Cerchiara, Villapiana, Amendolara e Rocca Imperiale le “Invasioni Digitali” domenica 3 maggio sono sbarcate a Trebisacce dandosi appuntamento sul meraviglioso terrazzo marino del “Bastione”, sciamando per i suggestivi vicoli del centro storico grondanti di storia, visitando il Museo dell’Arte Olearia “L. Noia” e concludendo l’itinerario presso l’antica cappella di “Sant’Antonio Abate” dove è stato preparato un ricco bouffet nel quale l’ha fatta da padrone il rinomato “Biondo tardivo di Trebisacce”, l’arancia tipica e unica che si produce nelle “vigne” con la quale, oltre che gustose spremute, si producono marmellate, sciroppi e dolci d’ogni genere.

Invas. Digit. Trionfo del Biondo TardivoUn’invasione dolce e silenziosa, quella degli invaders, non come quelle dei Turchi e dei Saraceni che mettevano a ferro e fuoco e saccheggiavano l’antico borgo marinaro, un’invasione pacifica e fatta in punta di piedi, che è servita e mettere al centro dell’obiettivo di video-camere, macchine fotografiche, smartphone, tablet, l’antica cinta muraria, la Chiesa Madre di San Nicola di Mira e tutto il Centro Storico, autentico scrigno di storia, di tradizioni e di cultura popolare. L’invasione, organizzata dall’associazione culturale “Il Pontile” in collaborazione con l’amministrazione comunale, il Consorzio dei Giardini, e altri partner privati, è servita, così come per gli altri paesi dell’Alto Jonio, a mettere a fuoco ed a far viaggiare sul Web, attraverso Facebook, Instagram, Twitter… i tesori ambientali, le bellezze artistiche e le tipicità della cittadina jonica per una possibile, augurabile ricaduta turistica. Peccato che tutto quello che si può mettere a fuoco e tanto facilmente ammirare sul web, è tanto difficile da raggiungere per via del cronico isolamento geografico che, a causa di gravi e antiche carenze infrastrutturali (strade, ferrovie, porti ed aeroporti…), condiziona in modo negativo lo sviluppo di Trebisacce, dell’Alto Jonio e di tutta la Sibaritide.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *