Redazione Paese24.it

Civita attraverso gli occhi dei rifugiati. Al via progetto “Guidiamoci”

Civita attraverso gli occhi dei rifugiati. Al via progetto “Guidiamoci”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

“Guidiamoci”, un progetto per far conoscere Civita, il borgo arbereshe, attraverso gli occhi e le parole dei beneficiari dello Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati). L’iniziativa, che ha preso il via pochi giorni fa, è stata promossa dallo Slow Tourism Calabria,  presieduto da AntonLuca De Salvo, con la collaborazione degli operatori e delle figure professionali del Centro Sprar di Civita, diretto da Stefano Cervone.

L’obiettivo è quello di formare i cosiddetti “conoscitori del borgo civitese” che acquisiranno, così, tecniche di comunicazione, conoscenze, metodi e strumenti per coadiuvare le guide ufficiali del Parco Nazionale del Pollino e tutte le guide che ne faranno richiesta. «Le finalità del progetto – sottolinea De Salvo – sono quelle di fornire ai visitatori una conoscenza del borgo attraverso gli occhi e le parole dei beneficiari dello Sprar, provenienti da nove nazioni (Mali, Togo, Gambia, Bangladesh, Ghana, Sierra Leone, Senegal, Nigeria, Pakistan).  

«L’inserimento sociale – dichiara Cervone – parte anche da nuovi metodi e nuove visioni, con un solo obiettivo: integrare».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *