Redazione Paese24.it

Trebisacce, volpe uccisa dal crudele “scaricabarile” degli uomini

Trebisacce, volpe uccisa dal crudele “scaricabarile” degli uomini
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Impallinata e abbandonata sul ciglio di una strada, a Sibari. Una povera volpe presa di mira da un fucile codardo e illegale, in quanto la stagione venatoria si è ormai chiusa da un pezzo, è rimasta agonizzante, mentre perdeva abbondantemente sangue. Il fatto è successo giovedì. Sul posto in soccorso all’animale sono giunti alcuni membri dell’associazione “Frida e Heidi – Una vita da cani” di Crosia che denunciano retroscena alquanto deprecabili. I volontari dopo aver messo in sicurezza l’animale, riempito di pallini da caccia lungo tutto il corpo, hanno avviato la trafila burocratica, che ha riservato amare sorprese.

«Decreta la Provincia – raccontano i volontari dell’associazione – che chi ritrova un esemplare in difficoltà ha il dovere di contattare immediatamente la Polizia Provinciale, il Comune o il Corpo Forestale dello Stato del territorio di competenza che devono provvedere al ritiro e, ove necessario, al ricovero presso centri di recupero o servizio veterinario per le opportune cure». Ma sembrerebbe che nessuno di questi enti chiamati in causa a rotazione abbia ritenuto necessario prendersi in carico il problema, rifugiandosi nel solito scaricabarile delle competenze. «Al termine dell’estenuante giro di telefonate, frustrante come poche cose al mondo – raccontano ancora – abbiamo provato a rivolgerci anche ad altre associazioni che avrebbero dovuto interessarsi della cosa ma il CRAS (Centro Recupero Animali Selvatici) di Rende è preposto solo alla ricezione di quelli condotti dalla Polizia Provinciale mentre l’ANPANA ha detto che a spese proprie non si sarebbe mossa».

In pratica sono stati contattati almeno cinque soggetti, “foraggiati” con soldi pubblici e preposti, in qualche modo ad intervenire. Ma evidentemente una povera volpe agonizzante non giustificava impegno e spese per poter adoperarsi. Alla fine, gli stessi volontari dell’associazione “Frida e Heidi – Una vita da cani” hanno trasportato il povero animale, ormai in fin di vita, presso la clinica veterinaria del dottor Bruno Romanelli a Trebisacce. Qui la volpe è stata sottoposta prima a radiografie ed in seguito ad un intervento. Purtroppo però, a causa dell’abbondante sangue perso tra il ritrovamento e il trasporto in clinica, l’animale è morto durante la notte. Così’ come, ancora una volta, è morto il comportamento umano, in tante, troppe situazioni ormai, così crudele, aggravato in questo caso, da come denuncia l’associazione, dal mancato adempimento dei propri doveri.

Vincenzo La Camera

Share Button

One Response to Trebisacce, volpe uccisa dal crudele “scaricabarile” degli uomini

  1. Maurizio Silenzi Viselli 2015/05/30 at 13:52

    L’individuo che ha sparato alla povera ed innocente volpina, ed altri, possiamo annoverarli nel nutrito gruppo dei pezzi di merda.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *