Redazione Paese24.it

Cassano, Papasso invita Lione al confronto davanti ai cittadini

Cassano, Papasso invita Lione al confronto davanti ai cittadini
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Incontro elettorale per il candidato sindaco Giovanni Papasso e la coalizione del centrosinistra unito hanno avuto ieri sera in Corso Laura Serra a Lauropoli. Alla manifestazione elettorale hanno preso parte i candidati delle sette liste a sostegno di Giovanni Papasso ed i dirigenti locali del PSI, PSDI,PD,SEL, IDV, oltre che lo stesso candidato sindaco Giovanni Papasso. Sul palco sono saliti in particolare i giovani candidati di Lauropoli.

Hanno preso la parola nell’ordine: il giovane docente precario Giacinto Ciappetta, candidato della lista “Progetto per …”, il quale in particolare ha posto l’accento sul problema ambientale: “A Cassano allo Ionio questa Amministrazione ci lascia in eredità una discarica comunale in cui vengono a scaricare per un pugno di euro decine e decine di comuni della Calabria. Tempo addietro è stato consentito di scaricare anche immondizia proveniente da Napoli, ciò a grave danno per la nostra salute, dei nostri figli”.

Poi è toccato a Salvatore Branca, altro candidato del Pd: “Sono un giovane come voi che vive i problemi e le difficoltà della nostra comunità, ma la speranza nel futuro non ci deve abbandonare mai – ha esordito il giovane – ci batteremo con tutte le nostre forze, al di là ed, anche, al di sopra degli schieramenti politici, perché nel nostro comune cessino gli egoismi e gli interessi personali, come avviene oggi a Palazzo di città, e la comunità possa essere amministrata per il bene di tutti, soprattutto per il bene di noi giovani”.

“Ci tengo a sottolineare che non mi sono candidato per riempire la lista o per clientelismo – ha detto invece il candidato più giovane, 19 anni appena, dell’intera competizione elettorale, Gianluca Falbo del PSDI –  come è successo nella lista del centrodestra, né Gianni Papasso mi ha dato o promesso un posto di lavoro. Io ho deciso di candidarmi perché il nostro sistema di amministrazione non ha giovani, o meglio giovani che si siano fatti portatori in Consiglio Comunali di proposte per il nostro rilancio”.

Tra i rappresentanti politici dei partiti di centrosinistra la parola è stata presa dal già assessore provinciale Rosetta Console, in rappresentanza del Pd. “Noi del centrosinistra abbiamo fatto un passo indietro unendo le forze per bloccare il feudalismo politico istaurato a Cassano allo Ionio da questa Amministrazione Comunale. Ci siamo ritrovati per mettere insieme le nostre idee ed offrire un’occasione alla nostra città nel disagio totale.

Ha concluso l’incontro elettorale lo stesso candidato a sindaco Giovanni Papasso: “Guardate le facce di questi giovani, guardate la gente numerosa che è venuta stasera qui,  perché smentirete colui che ha detto che qui ci sarebbe la cattiva Cassano. Questi sono i vostri ragazzi, con gli occhi sognanti e che vogliono lavorare e che io ringrazio per essere scesi accanto a me, con onestà – così ha esordito Papasso -nelle case ci accolgono a braccia aperte e questo ci conforta. Noi siamo quelli che vogliono attuare a Cassano una politica di sostegno serio per i giovani e le classi disagiate. Per sostenere queste classi sociali abbiamo pensato al Credito giovanile ed il Credito Rosa per le giovani. Misure idonee a sostenere le idee imprenditoriali di questa particolare categoria che sono il futuro della città. Ora Lione accetti – ha invitato Papasso – di confrontarsi con noi direttamente nei quartieri sui palchi e poi i cittadini il 6-7 maggio decideranno a chi affidare la propria città”

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *