Redazione Paese24.it

Ad Altomonte la festa del pane, grande valore del popolo calabrese

Ad Altomonte la festa del pane, grande valore del popolo calabrese
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Tre giornate di festa, laboratori, degustazioni, spazi dedicati al cibo con stand di pani tradizionali e mercato dei prodotti tipici, momenti ludici con mostre, musica e artisti di strada, esposizioni, tavole rotonde e workshop. E’ tutto pronto per l’edizione 2015 della Gran Festa del Pane, che si svolgerà ad Altomonte dal 5 al 7 giugno. Il titolo scelto per l’evento sarà “Il Pane dell’accoglienza, un grande valore del popolo calabrese”. L’accoglienza è, infatti, un tema di grandissima attualità, che ben si coniuga al pane, alimento base tradizionale, sacro e primo a essere offerto allo straniero ospite.

Anche il GAL (Gruppo d’Azione Locale) Valle del Crati parteciperà attivamente con un convegno che aprirà la manifestazione dal titolo “Cibo ed educazione alimentare, percorsi partecipati nelle valli del Crati e dell’Esaro”. Ad introdurre l’incontro i saluti del sindaco di Altomonte, Giuseppe Lateano, e il presidente del GAL Valle del Crati, Stefano Leone. Al seminario, moderato da Silvia Sivini del Centro Studi per lo Sviluppo Rurale dell’Unical, interverranno: Pierfranco Costa, collaboratore del GAL Valle del Crati; Nadia Velleda Caldas, docente dell’Università di Pelotas (Brasile); Angelo Rosa, presidente del Consorzio del Fico Essicato del Cosentino; Domenico Barbuto del Centro Interdipartimentale di Documentazione Demoantropologica dell’Unical. A concludere i lavori sarà il Consigliere regionale Mauro D’Acri.

Nel corso del seminario verrà illustrato il lavoro svolto dallo stesso GAL in alcune scuole primarie del territorio e verranno rese note le ultime attività della filiera del Fico Essiccato del Cosentino. Infine, l’incontro si soffermerà sulle diverse e numerose implicazioni culturali, sociali, economiche e scientifiche del cibo, alcune delle quali sono state affrontate in un progetto realizzato in Brasile, che sarà esposto dalla professoressa Nadia Velleda Caldas. Il GAL, inoltre, parteciperà a un altro appuntamento previsto nel programma della Gran Festa del Pane, con una tavola rotonda dedicata ai grani antichi che illustrerà i risultati di una sperimentazione in corso da qualche anno in provincia di Cosenza.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *