Redazione Paese24.it

Villapiana, “cacciatori di rame” devastano il depuratore

Villapiana, “cacciatori di rame” devastano il depuratore
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Preso di mira ancora una volta e seriamente danneggiato l’impianto di depurazione di Villapiana, che sorge nell’alveo del torrente Saraceno. Letteralmente infuriato il sindaco Paolo Montalti il quale ha chiesto al Comando Compagnia dei Carabinieri più tutela e più sicurezza perché i sabotaggi all’impianto si ripetono da tempo tanto è vero che solo un mese fa il comune ha dovuto impegnare 30mila euro del Bilancio per riparare i danni dell’ultimo atto vandalico. Nel corso della notte scorsa, tornati di nuovo in azione, i soliti ignoti, rivelatisi autentici professionisti del settore capaci di disattivare oltre che la video-sorveglianza anche la corrente elettrica a 20mila volts per non correre il rischio di essere fulminati, hanno fatto irruzione nell’impianto tagliando la rete di recinzione e scardinando la porta di accesso in ferro e lo hanno letteralmente devastato alla ricerca di rame, divenuto ormai più appetibile dell’oro che attirava gli indigeni americani verso l’Eldorado.

Insoddisfatti però dello scarso bottino racimolato per non essere riusciti a scardinare la bobina principale dell’impianto, per sfregio si sono accaniti con una roncola contro il verde distruggendo gran parte degli arbusti e delle aiuole che circondano il depuratore di cui si prende cura il conduttore dell’impianto Marco Cervellera. E’ stato proprio quest’ultimo, ieri mattina, a dare l’ennesimo allarme agli amministratori i quali, con il primo cittadino in testa, si sono portati presso l’impianto per constatarne i danni e per definire tutti i provvedimenti da adottare per mettere fine a questo vero e proprio stillicidio che rischia di mettere in ginocchio una cittadina turistica come Villapiana proprio alla vigilia della stagione estiva. In tarda mattinata il sindaco Montalti è riuscito a parlare con il presidente della Regione Oliverio il quale, oltre a manifestargli la propria solidarietà, si è impegnato a sollecitare il Dipartimento Ambiente a farsi carico nei confronti di Villapiana del ristoro degli ingenti danni subiti.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *