Redazione Paese24.it

Rossano, le proposte della Cgil per il rilancio della Sibaritide

Rossano, le proposte della Cgil per il rilancio della Sibaritide
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La Cgil si ritrova a Rossano e studia degli interventi per risollevare la Sibaritide. Il 3 giugno si è riunito, nella città bizantina, il comitato direttivo comprensoriale del sindacato, con annessa assemblea dei quadri e delegati della Sibaritide. Durante l’incontro sono stati approvati alcuni ordini del giorno a sostegno di leggi regionali. Uno sul reddito minimo di inserimento per le fasce sociali in povertà e per disoccupati ultracinquantenni, senza mettere in discussione gli ammortizzatori sociali esistenti. L’altro in appoggio alla legge regionale sull’agricoltura sociale, per l’utilizzo, da parte dei giovani, delle terre incolte demaniali e dei beni confiscati. Un terzo ordine del giorno riguarda il sostegno agli impianti industriali esistenti sul territorio come il cementificio di Castrovillari e le due centrali Enel, quella del Mercure e quella di Rossano, per la quale è stata annunciata un’immediata richiesta unitaria di un tavolo in Prefettura.

«Nei prossimi giorni – si legge nella nota diramata dall’area Pollino, Sibaritide e Tirreno del sindacato – la Cgil territoriale proporrà una serie di iniziative alle associazioni del territorio e ai sindaci per accelerare la cantierizzazione delle opere già finanziate come il macro lotto 3 della ss 106 Ionica, aprire una vertenza specifica per il tratto Sibari -Crotone, accelerare la realizzazione dell’ospedale nuovo della Sibaritide, mantenere la mobilitazione per la soluzione della vertenza sul viadotto Italia e puntare sui fondi europei per il completamento del corridoio Berlino-Palermo puntando sull’alta velocità. Un focus specifico – si chiude la nota – e’ stato fatto per la ferrovia ionica e il Porto di Corigliano, che necessitano di una strategia di interventi da parte del Governo per un utilizzo plurimo per la mobilità delle persone e delle merci».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *