Redazione Paese24.it

Gli animali di legno incantano le scuole cosentine

Gli animali di legno incantano le scuole cosentine
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

In arrivo un club didattico sulle spiagge per i cercatori di “Animalegni”

Download PDF

Il “viaggio fantastico” degli animali di legno, fotografati da Giuseppe Marasco sulle rive del mare e narrati dalla penna di Francesco Fusca, per grandi e piccini. E’ il lavoro edito da Expressiva, che ha coinvolto, finora, cinque Istituti Comprensivi della provincia di Cosenza (Corigliano Calabro, Villapiana, Cantinella, Sibari e San Giacomo d’Acri). Tutti favorevoli al messaggio che emerge chiaro dai dialoghi dei protagonisti del libro, ossia quello di civiltà nel segno della difesa del pianeta, attraverso il filo conduttore della solidarietà, della pace e dell’armonia.

«E’ un testo che stimola la manualità – ha affermato Susanna Capalbo, dirigente scolastica dell’I.C. di Corigliano – e consente di sviluppare una didattica personalizzata». La dirigente del comune di Corigliano, Tina De Rosis, ha invece definito il libro «un teatro di storie, ogni volta diverse, che danno spazio a parole immaginate e a immagini parlate. Uno strumento che offre straordinari momenti di creatività educativa». Per Maria Gabriella Ferraro, docente e membro della Fidapa, «Animalegni è un libro che contiene (e non racchiude) molto e libera tanto. Libera la fantasia, la creatività e affronta temi importanti con leggerezza». La docente dell’I.C. di San Giacomo d’Acri, Claudia Russo, ha evidenziato «le ricadute didattiche del volume che, in 48 pagine a colori, cerca di avvicinare i ragazzi alla natura, da rispettare e amare, che stimola la fantasia con giochi di forme e colori vivaci, il tutto in habitat straordinari quali quelli delle spiagge e delle acque del Mar Jonio».

Intanto, l’editore Emanuele Armentano, soddisfatto per i messaggi positivi emersi da questi veri e propri tour di presentazione, assicura che «il viaggio di Animalegni non sarà interrotto durante l’estate al fine di sensibilizzare i “cercatori di Animalegni”, organizzando anche un club di didattica da sperimentare direttamente sulle spiagge».

Federica Grisolia

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *