Redazione Paese24.it

Rossano. Rifiuti ingombranti, parte il programma “Svuota la cantina”

Rossano. Rifiuti ingombranti, parte il programma “Svuota la cantina”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Il primo appuntamento a contrada Seggio il 13 giugno

Download PDF

A Rossano liberarsi dei rifiuti ingombranti non sarà più un problema. Partirà il prossimo sabato 13 giugno, da contrada Seggio, dalle ore 9.00 alle 13.00, il programma “Svuota la cantina”, che mira ad aiutare i cittadini nello smaltimento degli scarti scomodi e pericolosi. A darne notizia è l’assessore all’Ambiente della città bizantina, Natalino Chiarello che, a seguito di un incontro operativo con il sindaco Antoniotti, gli uffici comunali e l’azienda Ecoross, ha programmato il calendario delle iniziative di quartiere per la raccolta degli ingombranti a domicilio. Nella mattinata di sabato, quindi, a Seggio verrà installato uno speciale container dove i cittadini potranno conferire gratuitamente i rifiuti pericolosi, gli elettrodomestici esausti e più in generale gli arredi domestici non più utilizzabili e destinati a essere smaltiti.

«Svuota la cantina – ha spiegato Chiarello – è un’iniziativa che mira principalmente a contrastare il fenomeno dell’abbandono di rifiuti pericolosi e ingombranti nell’ambiente. Partiremo da contrada Seggio e poi nei prossimi giorni ripeteremo l’operazione in altre aree comunali in date che stiamo calendarizzando. A questo intervento, ovviamente, sarà affiancata un’attività costante di monitoraggio e repressione da parte della Polizia municipale sui reati ambientali. Nel frattempo – ha proseguito l’assessore – prosegue la campagna di raccolta differenziata; nell’attuazione di questo progetto, dal prossimo martedì 30 giugno saranno ritirate tutte le campane di vetro e i cassonetti per la raccolta del multi materiale presenti nel territorio comunale. Lasceranno spazio alle sole isole ecologiche di prossimità composte dai bidoni giallo per il vetro, marrone per l’umido e verde per l’indifferenziata».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *