Redazione Paese24.it

Rifiuti, a Zagarise inaugurata la prima compostiera meccanica della Calabria

Rifiuti, a Zagarise inaugurata la prima compostiera meccanica della Calabria
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

In Calabria è stata inaugurata la prima compostiera meccanica. L’impianto è stato realizzato presso l’isola ecologica di Zagarise (provincia di Catanzaro); si tratta del primo comune italiano, tra i 121 che hanno aderito all’iniziativa, in cui il progetto è ufficialmente partito. Dopo l’inaugurazione dell’impianto, si è tenuto un convegno sul tema: “La tutela dell’ambiente come diritto fondamentale della persona”, presso il Centro di informazione turistica di Zagarise. Hanno partecipato al dibattito il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio,  Claudio Lattocco, presidente di Guardia Civica, del Giudice Emilio Ledonne, il presidente della Provincia di Catanzaro Enzo Bruno, il presidente del Consorzio di Bonifica Jonio Catanzarese Grazioso Manno. I lavori sono stati aperti dai saluti del sindaco di Zagarise Domenico Gallelli e del parroco don Antonio Ranieri.

«Questa iniziativa – ha detto il presidente della Regione – è importante perché, nello sforzo che stiamo facendo per affrontare e risolvere il problema del ciclo dei rifiuti in Calabria, costituisce un tassello sostanziale all’interno di un mosaico più grande. Questo modello può diventare, infatti, una risposta concreta alla specificità del nostro territorio che per l’80% è collinare e montano e nel quale vive il 38% della popolazione. Costruire un sistema virtuoso, che chiuda con la stagione che abbiamo alle spalle e che comprenda l’intero ciclo, dalla raccolta allo smaltimento, significa tenere conto di questa specificità». Oliverio ha anche ribadito che «in questo periodo stiamo lavorando al nuovo Piano dei rifiuti che punta sulla raccolta differenziata spinta e su una impiantistica ad impatto ambientale zero. Siamo a buon punto. Contemporaneamente stiamo definendo la Programmazione 2014/2020 per la utilizzazione delle risorse destinate alla Calabria nella costruzione di un sistema virtuoso che preveda investimenti consistenti destinati a sostenere i comuni nella fase di start-up per la realizzazione del sistema di raccolta e nella costruzione di una impiantistica “ad impatto zero”».

«Avviare un sistema virtuoso nella gestione dei rifiuti in Calabria – ha concluso il presidente della Regione – significa non solo bonificare il territorio e liberare i nostri comuni dall’emergenza, ma soprattutto alimentare percorsi di legalità in grado di offrire, anche al sistema delle imprese, un terreno di impegno, di intraprendenza, di competizione positiva, creando anche nuove opportunità di lavoro».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *