Redazione Paese24.it

Cosenza, modellando l’argilla si regala un sorriso ai bambini in ospedale

Cosenza, modellando l’argilla si regala un sorriso ai bambini in ospedale
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Arriva anche al reparto di Oncoematologia pediatrica dell’Annunziata il laboratorio di ceramico-terapia targato Fondazione Thun

Download PDF

Creatività e spensieratezza hanno il viso dei bambini. E anche nei momenti più difficili non bisogna mai smettere di far risplendere il loro sorriso. Ad esempio in ospedale. Ed è così che la Fondazione Contessa Lene Thun onlus, associazione altoatesina nata dal patron delle celebri creazioni “Thun”, sta per avviare un nuovo laboratorio permanente di modellazione ceramica, questa volta all’interno del reparto di Oncoematologia pediatrica dell’Annunziata di Cosenza. Il progetto nasce nel 2014 ed è destinato ai reparti pediatrici di grandi ospedali italiani. Attualmente sono già in attività 5 laboratori: presso il Policlinico Gemelli di Roma, il Policlinico di Catania, l’ospedale San Gerardo di Monza, l’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo e l’ospedale di Merano. Entro il 2015, inoltre, ne verranno aperti altri sei: presso l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, l’ospedale Bambin Gesù di Roma, Città della speranza di Padova, Microcitemico di Cagliari, Ospedale di Pescara e di Bolzano.

L’attività si concentra, soprattutto, sui reparti di Oncoematologia pediatrica che comportano una lunga e pesante ospedalizzazione, ma è possibile trovarli anche in Neuropsichiatria infantile. I laboratori, che si svolgono una volta alla settimana, vengono coordinati dallo staff di volontari e da ceramisti della Fondazione e sono offerti gratuitamente alla struttura e ai pazienti. Il laboratorio permanente all’ospedale dell’Annunziata si svolgerà ogni giovedì pomeriggio, per tre ore di modellazione ceramica. I bambini potranno, così, creare piccoli lavori per se stessi e opere più grandi, collettive, che poi potranno essere esposte negli spazi comuni dell’ospedale stesso, per regalare allegria e calore anche agli altri ospiti.

Federica Grisolia

 

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *