Redazione Paese24.it

I “Suoni” etno-jazz salutano le serate castrovillaresi

I “Suoni” etno-jazz salutano le serate castrovillaresi
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Da ormai dieci anni, i ritmi etno-jazz allietano le serate castrovillaresi durante il festival “Suoni”, ideato da Gerardo Bonifati, direttore artistico del Carnevale di Castrovillari, e Sasà Calabrese, musicista di punta della città del Pollino. Ed è così che il Protoconvento francescano di Castrovillari si è trasformato in uno scenario dalle musiche contaminate etno-jazz, di arte e cultura che rispecchiano i paesi di appartenenza di chi si esibisce. La kermesse si è conclusa ieri sera (22 luglio) con Joe Barbieri, artista napoletano che ha portato il singolo “L’arte di meravigliarmi, contenuto nel suo nuovo album “Cosmonauta da appartamento”. La serata è stata aperta da musicisti calabresi, i “Marasà”. Suoni dai diversi ritmi. Non poteva mancare un omaggio a Luigi Tenco. I suoi brani più conosciuti sono stati impreziositi dagli arrangiamenti di Roberto Musolino (voce, melodica e piccolo basso) ed eseguiti da Alfredo Biondo (pianoforte), Alessio Sisca (batteria), Sasà Calabrese (contrabbasso). Tanti i nomi che si sono susseguiti in queste serate di musica. Tra gli altri Nino Buonocore, il cantante di “Scrivimi”, e Enzo Decaro.

E se le serate si sono concluse ieri sera, “Suoni” continuerà comunque fino a domani venerdì (24 luglio) con gli ultimi due giorni di “Estadanza”, novità assoluta di questa edizione: per una settimana corsi di musica e danza popolare con il ricercatore e antropologo della danza Pino Gala. Inoltre, alle ore 11.30, la presentazione, dell’album “Il ritmo dopo la cadenza” di Paolo Martino, per mantenere viva la tradizione popolare.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *