Redazione Paese24.it

Castrovillari. Il materano Vito Buono vince la Marathon degli Aragonesi

Castrovillari. Il materano Vito Buono vince la Marathon degli Aragonesi
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il giovane materano Vito Buono (Team Carbonhubo), biker emergente, si aggiudica la seconda Marathon degli Aragonesi staccando, rispettivamente, di cinque e otto minuti i quotati e navigati Luigi Ferritto (FRW Factory) (secondo) e Pasquale Sirica (Ciclò Bike Team) (terzo), vincitore l’anno scorso della prima edizione.

Due ore e 48 minuti per percorre 61 spettacolari chilometri da Castrovillari, passando per Conca del Re, Monte Moschereto e la famosa salita detta “imperticata”, La Fagosa (Frascineto), Colle Marcione (Civita) e fare ritorno a Castrovillari al centro commerciale “Le Vigne”. Due ore e 25 minuti per Marco De Donno (Team Maglie Bike A.S.D., primo della Gran Fondo, di 44 chilometri. Un’ora e un minuto, invece, per percorrere i 27 chilometri dell’Escursionistico da parte del quindicenne Antonio Carenza (Team Amicinbici Losacco Bike).

Partiti da via Roma, a Castrovillari, alla conquista del Pollino, passando da Frascineto e Civita, oltre 350 bikers per tre percorsi: Marathon, Gran Fondo, Escursionistica, dopo l’in bocca al lupo degli organizzatori e dei tre sindaci coinvolti: Lo Polito (Castrovillari), Catalano (Frascineto), Tocci (Civita). L’evento – co-organizzato con l’Ente Parco Nazionale del Pollino – ha dimostrato nuovamente di essere uno dei più caratteristici del Trofeo dei Parchi Naturali in cui è inserito e nel quale gli organizzatori hanno confermato la tappa castrovillarese per il 2016. Soddisfatti i padroni di casa dell’A.S.D. Ciclistica Castrovillari, presieduta da Antonio Limonti che hanno minuziosamente preparato tracciato e organizzazione generale accogliendo centinaia di bikers e loro accompagnatori che hanno, tra l’altro, fatto registrare il tutto esaurito nelle strutture ricettive del circondario dei tre comuni.

La redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *