Redazione Paese24.it

Torre di Albidona, nuove opportunità per aziende agricole

Torre di Albidona, nuove opportunità per aziende agricole
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Si è svolto lunedì 27 luglio, presso l’azienda agrituristica Torre di Albidona di Trebisacce (Cs), il seminario informativo interregionale dal titolo “Dai Distretti alle Reti. Realtà e prospettive”. Organizzato da “Agricoltura è Vita” della Confederazione italiana agricoltori e dal Gal Alto Jonio “Federico II”, il convegno tecnico è stato incentrato sull’importanza delle Reti di impresa in agricoltura. I lavori, diretti da Ferdinando Mortati (Pres. Cia Calabria Nord), sono iniziati con i saluti di Franco Durso, Direttore Gal Alto Jonio “Federico II”; Franco Mazzei, Amministratore Unico “Agricoltura è Vita” srl; a seguire le relazioni dell’avvocato Donato Nitti,  esperto in contratto di rete;  Claudia Merlino, responsabile Ufficio Lavoro e Relazioni sindacali Cia nazionale; Danilo De Lellis, Ufficio Lavoro e Relazioni sindacali Cia nazionale; Massimo Bagnoli, Responsabile fiscale nazionale, amministratore unico CAF CIA.

Le Reti d’impresa sono un nuovo strumento a disposizione dell’agricoltura – hanno ribadito i relatori – finora poco utilizzato nella Sibaritide. Oggi è importante la cooperazione tra le imprese. E questo strumento dà la possibilità, soprattutto alle piccole aziende, di mettersi insieme e di creare quella massa critica per affrontare nuovi mercati. Il nuovo PSR 2014-2020 della Regione Calabria, alla misura 16, dà la possibilità di finanziare progetti per la costituzione di  reti o altre forme associative. Le Reti d’impresa creano tutta una serie di opportunità che le aziende non possono farsi sfuggire. Il nostro territorio provinciale offre una gamma di prodotti così ampia, dall’olio agli agrumi al vino alle nettarine ai fichi, che devono arrivare sui mercati internazionali con forza ed unitarietà. Un ruolo decisivo lo deve giocare la politica regionale: i fondi comunitari che avremo fino al 2020 avranno un ruolo determinante per il futuro dell’agricoltura in Calabria”.

Da un’idea dell’agronomo Rocco Arcaro, nell’Alto Jonio è stata da poco costituita la prima Rete d’Impresa, “Terre del Ferro”, a cui hanno aderito già diverse aziende agricole pronte ad investire nella tecnica della Biodinamica.

“Una norma dello scorso anno – ha detto Massimo Bagnoli – ha introdotto una novità: una rete d’impresa tra imprenditori agricoli che vede la possibilità per i retisti di svolgere in comune un’attività agricola con l’obiettivo primario di ripartire il prodotto primario derivante da questa attività come se fosse un prodotto proprio. Che dal punto di vista fiscale significa che quel prodotto ottenuto dall’attività in comune dei retisti diventa un prodotto agricolo e quindi ha una tassazione su base catastale”. Sono intervenuti al dibattito che è seguito alle relazioni: la presidente di UPA Cosenza Fulvia Caligiuri, il Direttore regionale della CIA Calabria Franco Belmonte e diversi interventi e domande.

Le conclusioni dei lavori sono state tratte da Nicodemo Podella, Presidente regionale CIA Calabria, che plaudendo all’iniziativa ha voluto rimarcare l’importanza dell’utilizzo dello strumento del contratto di rete, che ci viene messo a disposizione, ed ha assicurato che la CIA Calabria si adopererà fortemente nelle prossime settimane per stimolare le aziende associate ad andare nella direzione della costituzioni di queste nuove forme di aggregazione. Anche per la loro flessibilità e agilità,  sono validi  strumenti  innovativi in grado di offrire una adeguata risposta alla necessità di reagire alle difficoltà connesse alla crisi economica e alla complessità dei mercati globalizzati.

La redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *