Redazione Paese24.it

La lenticchia di Mormanno, dalla biodiversità al presidio Slow Food

La lenticchia di Mormanno, dalla biodiversità al presidio Slow Food
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La Lenticchia di Mormanno è un ecotipo locale di Lens culinaris Medik, diffusa nel territorio di Mormanno (CS) fino agli anni “70, successivamente era ritenuta non più reperibile anche se qualche anziano agricoltore continuava a coltivarla in poche quantità. Il suo ritrovamento, avvenuto in agro di Mormanno (CS) da parte dei tecnici del Centro di Divulgazione Agricola dell’ARSAC di Castrovillari, è stato il punto di partenza di uno studio realizzato dall’ARSAC in collaborazione dell’Istituto di Genetica Vegetale (IGV) del CNR di Bari. Questa lenticchia ha una elevata biodiversità intrinseca che è ben evidente nel seme, dove si distinguono cinque diversi colori (Verde, Verde con screziature verde scuro, Rosa, Beige, Beige con screziature marrone) a cui corrispondono altrettanti biotipi e, per questo, nel 2010, in seguito a finanziamento dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, è stata riconosciuta Presidio SLOW FOOD.

Tra le lenticchie a seme piccolo come quella di Castelluccio di Norcia, di Santo Stefano Sessanio, di Colfiorito, ecc., la Lenticchia di Mormanno è quella più studiata, con l’analisi genetica e biochimica dei semi si è giunti a realizzare una sorta di carta d’identità e, ciò significa che è difficile confondere la Lenticchia di Mormanno con altre lenticchie a seme piccolo. In conclusione, l’ARSAC, in  seguito allo studio realizzato con il CNR di Bari, moltiplicando la poca quantità di seme ritrovato e ridistribuendolo tra gli attuali produttori, ha creato una nuova opportunità di reddito e di sviluppo che è sotto gli occhi di tutti. Attualmente, la Lenticchia di Mormanno, grazie ai servizi dell’ARSAC, si coltiva secondo un disciplinare approvato dai produttori che esclude l’uso dei prodotti chimici.

Luigi Gallo(*)

(*)ARSAC-Centro di Divulgazione Agricola n. 2-Castrovillari (CS)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *