Redazione Paese24.it

Rossano, ecco le Guardie ecozoofile. Contrasteranno i reati ambientali

Rossano, ecco le Guardie ecozoofile. Contrasteranno i reati ambientali
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Rossano si dota di un corpo di Guardie ecozoofile. Lo scorso martedì 28 luglio, a conclusione della fase formativa avviata nell’inverno scorso, l’amministrazione Antoniotti, rappresentata nell’occasione dagli assessori all’Ambiente Natalino Chiarello e agli Affari istituzionali Rodolfo Alfieri che hanno seguito l’intero iter di costituzioni degli agenti ecozoofili, ha presieduto la cerimonia di consegna degli attestati di investitura alle nuove guardie. All’iniziativa, tenutasi nei locali della ex delegazione comunale allo scalo, erano presenti anche i rappresentanti dell’associazione Anpana-Oepa, il presidente nazionale Cesare Calvano e il comandante provinciale Giuseppe Maddalena e il responsabile dell’ufficio ambiente Salvatore Le Pera.

«Le oltre quaranta guardie ecozoofile della Città del Codex – fanno sapere dall’amministrazione comunale rossanese – si occuperanno di controllare e perlustrare con più frequenza e con maggiore intensità il comprensorio comunale, così da avere un quadro sempre aggiornato dello stato di salute del territorio, garantendo così un presidio costante che sarà sicuro deterrente contro i crimini ambientali. Nello specifico, si attueranno appositi servizi per la verifica dell’attuazione del programma di raccolta differenziata, per l’individuazione e l’osservazione delle aree fluviali e montane dove molto spesso vengono abbandonati rifiuti speciali pericolosi ed inerti».

Il nuovo corpo volontario di Guardie ecozoofile comunale è già operativo nelle attività di protezione civile a sostegno della Pm nelle fasi di controllo del territorio. Nelle prossime settimane, una volta conclusa la stagione estiva, le nuove guardie inizieranno la fase di affiancamento, con i volontari più anziani, nelle attività specifiche di tutela e monitoraggio ambientale.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *