Redazione Paese24.it

Incidente Villapiana, “Basta vittime sulla SS106” si scaglia contro la politica

Incidente Villapiana, “Basta vittime sulla SS106” si scaglia contro la politica
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

«L’incidente gravissimo avvenuto a Villapiana (scontro tra ambulanza e tir con tre feriti ndr) ha delle chiarissime responsabilità che sono riferibili solo e soltanto all’inerzia di una burocrazia che è incapace di far fronte ai reali, seri ed urgenti interessi generali quali, ad esempio, i lavori per il 3° Megalotto della S.S.106 tra Sibari e Roseto, 1,5 miliardi di euro già pronti per essere investiti su una strada moderna e sicura e che, invece, per chissà quale motivo, non partono».

Non usa giri di parole, davanti alle telecamere della Rai, Fabio Pugliese, presidente dell’associazione “Basta vittime sulla Strada Statale 106” dopo l’incidente avvenuto a Villapiana nella mattinata di martedì 4 agosto.

«Ritengo che sia inammissibile – ha proseguito Pugliese – anche dopo il rapporto Svimez, che il Presidente del Consiglio Matteo Renzi sostenga “il piano per il sud” dopo aver preso in giro i calabresi con la fantomatica “cabina di regia per la Calabria”, se poi lo stesso Governo non riesce ad investire i soldi che già sono pronti sulla famigerata “strada della morte”. Per non parlare dei parlamentari calabresi a Roma, che non sono capaci in nessun modo di interloquire con il Ministro alle Infrastrutture Delrio per portare “a casa” il 3° Megalotto della S.S.106. Voglio inoltre ribadire – ha concluso Pugliese – che il silenzio assordante del popolo dell’Alto Jonio, in merito a queste vicende, non è più tollerabile».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *