Redazione Paese24.it

I Bronzi restano a Reggio, 10mila firme per dire “no” allo spostamento

I Bronzi restano a Reggio, 10mila firme per dire “no” allo spostamento
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

I Bronzi di Riace resteranno a Reggio Calabria. O almeno così sperano i 10.789 firmatari della petizione “Proteggiamo i Bronzi di Riace!”, promossa su Firmiamo.it dal comitato per la valorizzazione e la tutela dei bronzi di Riace e del Museo Nazionale della Magna Grecia.

Le firme, a rappresentanza di una diffusa volontà popolare, sono state consegnate al delegato del Ministro dei Beni Culturali, Dottor Salvatore Patamia, segretario regionale dei Beni Culturali e responsabile pro-tempore del Museo di Reggio, in un Museo letteralmente invaso dai visitatori. La consegna dei risultati della petizione su Firmiamo.it ha rappresentato un utile momento di dialogo tra i promotori dell’iniziativa Francesco Alì e Pasquale Amato (Comitato Bronzi – Museo Reggio Calabria) e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, al fine di consolidare una volta per tutte l’inamovibilità dei bronzi di Riace.

«Qualsiasi ipotesi di spostamento – fanno sapere dal Comitato Bronzi – è comunque da considerarsi chiusa per sempre per due solide ragioni: i due capolavori di inestimabile valore mondiale sono i beni identitari del Museo Archeologico Nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria; la loro estrema fragilità comporta un alto rischio di danni in caso di movimentazioni anche minime, documentata dalle relazioni dei restauratori e dei soprintendenti in oltre 40 anni e definitivamente confermata dalla commissione tecnico-scientifica di esperti esterni e interni al Mibac nominata nel 2014 dal Ministro Franceschini».

Altro tema affrontato durante l’incontro è stato quello della riapertura totale del Museo Nazionale della Magna Grecia, attualmente disponibile al pubblico solo in parte. Il Dottor Patamia ha spiegato «il ritardo con la necessità di selezionare e aggiornare l’enorme mole di reperti» e ha annunciato come possibile scadenza, dalla quale cittadini e turisti potranno godere di tutti i tesori della struttura piacentiniana, quella del prossimo autunno. Sul punto il Comitato Bronzi-Museo  si è impegnato a verificare i vari step che saranno fatti sollecitando e vigilando perché questa scadenza sia rispettata.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *