Redazione Paese24.it

Alluvione Rossano, vertice in Prefettura. “Servono 2 milioni per i lavori urgenti”

Alluvione Rossano, vertice in Prefettura. “Servono 2 milioni per i lavori urgenti”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Il sindaco Antoniotti: "Cifra utile per gli interventi tampone"

Download PDF

A Rossano si continua a lavorare costantemente per ripristinare una situazione di normalità, dopo l’alluvione che ha colpito la città bizantina nella giornata del 12 agosto. Ammonta a circa 2,2 milioni di euro la spesa per i soli interventi di somma urgenza. Cifra che è stata certificata nel corso del vertice in Prefettura per iniziare a redigere la documentazione da trasmettere al Governo per il riconoscimento, nel prossimo Consiglio dei Ministri di giovedì 27 agosto, dello stato di emergenza e la quantificazione dei danni subiti dai territori. Stamani, infatti, nella sede territoriale del Governo a Cosenza, si è insediato il tavolo tecnico, convocato dal Prefetto, S.E. Gianfranco Tomao, e al quale, oltre ai sindaci dei comuni colpiti dal nubifragio (Rossano, Corigliano, Crosia e Cassano Jonio), hanno preso parte anche le istituzioni e gli Enti sovracomunali, i vertici della ProCiv regionale e delle forze dell’ordine, l’autorità di bacino, tecnici e organizzazioni che hanno contribuito e partecipato alle prime fasi emergenziali post alluvione. Nel corso dell’incontro tra le priorità evidenziate dal sindaco Antoniotti al Prefetto, alla Regione e a tutte le autorità preposte, c’è quella di garantire aiuto immediato alle famiglie che hanno perso tutto e che hanno le case inagibili.

«Ho ringraziato il Prefetto – ha affermato il sindaco di Rossano, Antoniotti – per la celerità con la quale ha insediato il centro Com nelle ore successive al disastro, supportandomi nel coadiuvare tutte le attività di primo intervento. Al momento – ha precisato il primo cittadino – sul tavolo della Prefettura, abbiamo solo prospettato i costi relativi ai lavori di somma urgenza che ammontano a circa 2,2 milioni, già impegnati in questi primi sette giorni di lavoro. Sia chiaro che questa è solo la spesa relativa ai lavori per il risanamento e la messa in sicurezza del sistema idraulico e per l’incolumità pubblica. Insomma, solo per gli interventi tampone che, andando incontro alla stagione invernale, possano garantire sicurezza in caso di un’eventuale altra ondata di maltempo».ALLUVIONE-RIPRISTINO FOGNA VIA S.ANGELO-190815 (1)

Nel frattempo, si continua a lavorare su tutto il territorio comunale, nelle contrade e nel centro storico, per riportare piena funzionalità e fruizione all’interno della città del Codex. A sette giorni dall’alluvione non ci sono più aree del comune isolate e si è già passati alla fase di pulizia e bonifica dei centri urbanizzati. Anche stamani (mercoledì, 19 agosto ndr) squadre di tecnici e volontari ero a lavoro a Sant’Angelo, a Momena, allo scalo e nel centro storico per garantire in tempi brevi la messa in sicurezza delle aree più colpite dall’alluvione.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *