Redazione Paese24.it

Morano, nonna Mafalda compie 106 anni

Morano, nonna Mafalda compie 106 anni
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Nel borgo più longevo d’Italia, undici i cittadini che hanno superato quota 100

Download PDF

E siamo a undici. A Morano Calabro, uno dei borghi più belli d’Italia ai piedi del Pollino, c’è una vera e propria squadra di… ultracentenari. L’ultima ad aver compiuto 106 anni, ieri (30 agosto), nonna Mafalda Mirabelli, arrivata oltre il “secolo” di vita godendo di lucidità e buona salute. E così ha festeggiato il suo compleanno circondata da una trentina di affezionati nipoti. All’evento non sono mancati gli onori civili da parte dell’Amministrazione comunale di Morano, rappresentata dall’assessore all’Ambiente Biagio Angelo Severino, il quale ha consegnato alla signora Mafalda una targa ricordo. Inoltre, ha preso parte tutto il personale della struttura per anziani di Castrovillari – dove la “nonnina moranese” è ospite – compreso il proprietario, Alessandro Di Dieco.

«La centenaria – si legge in una nota del Comune – ha raccontato di una vita trascorsa in semplicità, lontana dagli eccessi del consumismo moderno e dai ritmi frenetici della cosiddetta civiltà del progresso. Emozionante la recita di alcune poesie da parte della signora Mafalda, avvezza a curare oltre al corpo la mente e l’anima, alimentata con frequenti orazioni personali e collettive».

«E’ stato un giorno particolare e importante per la comunità moranese e, oserei dire, calabrese» – ha affermato l’assessore Biagio Angelo Severino. «Nonna Mafalda trasmette alle nuove generazioni in maniera autentica un vasto patrimonio di tradizioni e valori, umani e religiosi».

Sarà l’aria salubre, sarà il cibo genuino, ma Morano si conferma “elisir di lunga vita”. E vi guarda con soddisfazione anche il sindaco, Nicolò De Bartolo: «Nel borgo moranese le forze della natura e l’attività umana coesistono in perfetto equilibrio, generando condizioni favorevoli affinché si possa avanzare con determinazione sulle strade, talvolta incerte e dolorose, dell’esistenza».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *