Redazione Paese24.it

Trebisacce, assegnato il premio giornalistico “Il Pontile”

Trebisacce, assegnato il premio giornalistico “Il Pontile”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Focalizzare l’attenzione dei media sul grave problema del “Dissesto idro-geologico in Calabria: emergenza dimenticata o sconfitta della cautela?” e assegnare il Premio “Il Pontile” ai giornalisti della carta stampata, del web e della TV più impegnati e più efficaci in questo settore. Era questo, oltre a ricordare la figura del compianto giornalista trebisaccese Franco Nigro, l’obiettivo dell’associazione culturale “Il Pontile” (presidente Pino Carelli) che ha organizzato la II edizione del Premio svoltasi presso il Miramare Palace Hotel alla presenza di Antonella Rizzo assessore regionale all’Ambiente. Il dibattito che ha preceduto la consegna dei premi, coordinato da Andrea Mazzotta giornalista e membro del Direttivo dell’associazione, ha infatti centrato in pieno il suo obiettivo mettendo in luce, attraverso le esperienze drammatiche vissute nell’Alto Jonio e in Calabria a partire dal ’96 e fino al 2015 (Soverato, Crotone, Maierato, Cavallerizzo, Alessandria del Carretto, Oriolo e da ultimo Rossano e Corigliano), che hanno dimostrato la grave vulnerabilità di un territorio abbandonato a se stesso e compromesso dal punto di vista idro-geologico sia per cause orografiche e quindi naturali, sia per l’incuria della politica ai vari livelli, senza trascurare, ovviamente, le responsabilità degli uomini che, con la complicità di amministratori compiacenti, hanno usato violenza al territorio con una cementificazione selvaggia e incontrollata che ha spesso stuprato la natura che in diversi casi ha presentato un conto molto salato e spesso tragico.

«La Regione – ha esordito l’assessore Rizzo – finora non ha speso neanche i fondi dell’UE (800milioni) che sono stati rispediti al mittente. Ora ci stiamo adoperando per recuperarli e sono previsti ingenti finanziamenti a favore di Calabria Verde per la manutenzione del territorio e a favore della Protezione Civile e dei Vigili del Fuoco per l’acquisto di mezzi nuovi ed efficaci per affrontare le emergenze». Poi lo stesso assessore, criticata per aver abbandonato i lavori in anticipo e sottraendosi alle pressanti domande dei giornalisti, ha messo il dito nella piaga svelando che la Calabria ha un PAI (piano assetto idro-geologico) redatto nel lontano 2001, che non è mai stato aggiornato e che dimostra con quanta superficialità sia stato trattato finora il tema del rischio idro-geologico. «La qual cosa – ha concluso la dr.ssa Rizzo accennando alle iniziative regionali contro le Trivelle – spiega abbondantemente le catastrofi verificatesi, tra cui quelle più recenti di Oriolo e di Rossano/Corigliano, che solo per fortuna non hanno provocato morti». E’ quindi seguita la dotta relazione del dottor Carlo Tanzi geologo del CNR che, con il supporto di immagini e grafici, ha fatto la radiografia del rischio ed elencato cause e concause degli eventi calamitosi svoltisi in Calabria.

«Il 100% dei comuni calabresi – ha ammonito Tanzi – ha almeno un’area ad alto rischio idro-geologico; solo nella provincia di Cosenza ci sono 5.600 e per mettere in sicurezza tutta la regione ci vorrebbero oltre 4miliardi di euro». E’ quindi seguito l’intervento del dott. De Lorenzo che ha illustrato attività e compiti della Protezione Civile e a seguire gli interventi dei giornalisti presenti Domenico Marino, Cosimo Bruno e Rocco Valenti direttore del Quotidiano del Sud che hanno animato il dibattito a cui ha fatto seguito la consegna di una targa ricordo a Maria Ubriaco moglie del compianto Franco Nigro giornalista locale “la cui pregnante attività giornalistica e l’impegno civile hanno lasciato una traccia indelebile nella storia e nella cultura locale”, a cui è seguito un breve e toccante ricordo della figlia Daniela. Di seguito sono stati assegnati due riconoscimenti con relativa targa-ricordo: uno a AAjtv, sito on-line ed emittente televisiva locale, (editore Paride De Paola e direttore responsabile Franco Maurella) e una a “Il Tiraccio”, periodico locale fondato e diretto per 37 anni da Raffaele Galasso. A conclusione della serata è stato conferito il Premio Giornalistico “Il Pontile” (l’anno scorso era toccato al nostro Paese24.it) assegnato da una giuria di esperti presieduta dal prof. Antonio Miniaci che quest’anno ha avuto due vincitori: per la carta stampata Franco Maurella giornalista de “Il Quotidiano del Sud” e per il Video “Striscia la notizia”, entrambi per aver saputo raccontare attraverso i testi e attraverso le immagini, i rischi e i disagi affrontati con sofferenza ma con fierezza dalle popolazioni di Oriolo causati dai gravi accadimenti dei mesi scorsi e legati al tema del diffuso dissesto idro-geologico del territorio.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *