Redazione Paese24.it

Castrovillari. Il “bando della discordia”, sindacato degli avvocati insorge contro il Comune

Castrovillari. Il “bando della discordia”, sindacato degli avvocati insorge contro il Comune
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Risale a pochi giorni fa (precisamente al 31 ottobre) la delibera di un bando pubblicato dal Comune di Castrovillari, provvisoriamente guidato dal Commissario prefettizio Massimo Mariani, per l’assunzione a tempo determinato, part-time (18 ore settimanali), di un avvocato che si occupi dei contenziosi – civili, penali, amministrativi, tributari, innanzi alla Corte dei Conti – in ambito comunale.

Il candidato ideale – si legge nel bando – è un giovane avvocato abilitato all’esercizio della professione ed iscritto all’albo degli avvocati da più di cinque anni e meno di dieci che ha operato con uffici legali di pubbliche amministrazioni con contratti a tempo determinato ai sensi dell’art. 110 D.L.vo 267/2000 o con contratto ex art. 20 del Codice dei contratti”. Inoltre, deve avere cittadinanza italiana o appartenente all’Unione Europea, essere in possesso della laurea vecchio ordinamento, specialistica o magistrale in Giurisprudenza, avere pieno godimento di diritti civili e politici, non essere dichiarato decaduto da un impiego statale, non avere a carico condanne penali o procedimenti disciplinari da parte del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di appartenenza. Altri requisiti: idoneità fisica e capacità informatiche. Ma non c’è voluto molto che questo diventasse “il bando della discordia” tra il Comune e la delegazione castrovillarese del Sindacato Avvocati Calabria, che lo considera «un’opera di demonizzazione della professione, svilita e sminuita al punto tale da considerala maldestramente come qualsivoglia lavoro impiegatizio». Un bando che «privilegia un unico “principino”, di qualsiasi potenziale foro, a discapito di tanti avvocati castrovillaresi». Al contrario, con la precedente Amministrazione, l’avvocatura comunale – come si legge nella nota del Sindacato – veniva sì gestita da un unico professionista ma comunque del comprensorio castrovillarese ed iscritto all’Ordine degli Avvocati di Castrovillari.

Il Sindacato passa poi alla commissione esaminatrice definita “orfana e fuori legge”, poiché presieduta dal segretario comunale che a sua volta sceglierà due membri tra gli impiegati comunali. Una commissione, dunque, priva di competenza. «Un paradosso – secondo il direttivo – per un Commissario che anche sui social network si professa un restauratore della legalità». Una legalità che – a parere del Sindacato – non viene tutelata neanche nell’assegnazione dei punti (da 6 a 10) a seguito del colloquio orale, senza che siano specificati i criteri, perché vista come “spintarella” e “aiutino finale” . Gli altri punti verranno assegnati in base al voto di laurea (da 1 a 5), al curriculum (sempre da 1 a 5) e ai titoli di servizio, ossia un punto per ogni anno di servizio o tempo superiore a 6 mesi che il concorrente avrà prestato presso pubbliche amministrazioni (massimo 10 punti).

Altro buco nero riguarda il compenso economico: «nel bando in questione – aggiunge il Sindacato degli Avvocati – nulla si dice sulla sorte dei compensi eventualmente liquidati dal Giudice in favore del Comune. Bisogna fidarsi – si chiede – sulla parola che una parte degli stessi venga riservato all’avvocato, o si deve pensare che tutto il compenso venga incassato dal Comune, come una qualsivoglia gabella?». Questo bando – come si legge nella nota – arriva in una situazione già pesante per i tanti avvocati, giovani e non, che si vedono svalutati nella loro professionalità e che non hanno possibilità di guadagno poiché svantaggiati dai requisiti richiesti e poiché, comunque, se ne privilegia soltanto uno. Su queste basi, ciò che chiede il Sindacato castrovillarese degli Avvocati è «l’annullamento immediato del bando», annunciando, in caso contrario, lotte e azioni vigorose, proprio le stesse che, in passato, hanno difeso il Tribunale a rischio chiusura.

 Federica Grisolia

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *