Redazione Paese24.it

Castrovillari. “Calabria Migrante”, dalla valigia di cartone al trolley

Castrovillari. “Calabria Migrante”, dalla valigia di cartone al trolley
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Un libro raccontato da Pantaleone Sergi e Vittorio Cappelli

Download PDF

E’ la storia di una terra e di chi va via da questa terra. Una storia lunga oltre cento anni che racconta un fenomeno massiccio, di speranza e sofferenza. Si chiama emigrazione e riporta al passato.  Ma in realtà non si è mai fermato. Si è discusso durante un convegno organizzato dalla CGIL Pollino Sibaritide Tirreno, in cui è stato presentato “Calabria Migrante”, il primo resoconto del Centro di Ricerca sulle Migrazioni che ha sede all’Università della Calabria, curato da Vittorio Cappelli, Pantaleone Sergi e Giuseppe Masi. L’incontro è stato introdotto da Francesco Spingola, segretario generale CGIL Calabria che ha esposto i punti salienti del volume: l’analisi di un periodo storico a cavallo tra il XIX e il XX secolo, del processo migratorio dalla Calabria verso l’Argentina (precisamente 450mila, il 15% dell’emigrazione italiana), il Brasile, l’Uruguay, gli Stati del Nord America e, dagli anni ’50, Canada e Australia, le motivazioni sociali che hanno spinto al fenomeno e il legame tra locale (la terra di partenza) e globale (terra d’arrivo).

E’ un libro multidisciplinare, che va oltre gli studi accademici di storici e ricercatori per narrare le esperienze dirette di chi è stato protagonista. Su questo aspetto si è soffermato anche il presidente dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, il quale ha parlato di «un fenomeno che continua e riguarda soprattutto i giovani laureati alla ricerca di lavoro e che, forse, cesserà quando l’Italia tornerà a garantire “tranquillità sociale” in ambito occupazionale». Poi la parola è toccata ai due autori del libro che hanno raccontato l’importanza del fenomeno dell’emigrazione, proprio perché legata al presente e in quanto «risorsa». Vittorio Cappelli si è soffermato, tra gli altri aspetti, legati a cinque generazioni con la valigia, uniti dalla stessa voglia di cambiamento, sul processo di trasformazione che riguarda non solo la terra in cui i calabresi sono approdati ma anche sui luoghi d’origine. Una vita di sofferenza – come ha sottolineato Pantaleone Sergi –  perché chi arrivava in un nuovo mondo era spaesato, «analfabeta, non conosceva la lingua e la cultura con cui andava a confrontarsi e l’unico modo per tutelarsi e conservare un legame con la propria identità era riunirsi in associazioni di mutuo soccorso, con la lingua, le scuole e i giornali italiani». Sono intervenuti, inoltre, Angelo Sposato, segretario generale CGIL comprensoriale e  Michele Gravano, segretario generale CGIL Calabria.

Il volume – ha spiegato Cappelli – è un punto di partenza per rilanciare nuove ricerche», perché basta guardarsi intorno e ci sarà sempre un rapporto con il passato, l’altro e il fenomeno migratorio.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *