Redazione Paese24.it

Saracena sperimenta “baratto amministrativo”. Le tasse si compensano con lavori comunali

Saracena sperimenta “baratto amministrativo”. Le tasse si compensano con lavori comunali
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Morosità incolpevole? I cittadini di Saracena, che vertono in condizione di povertà e disagio sociale, potranno ora compensare i debiti con il Comune svolgendo lavori di pubblica utilità. Già introdotto nella carta dei Servizi nel 2009 (Saracena è stato uno dei primi comuni d’Italia a farlo), il relativo regolamento è stato accettato nello scorso mese di marzo, ed ora, con l’approvazione del bilancio pluriennale 2015/2017, il provvedimento è ufficiale. Nello specifico, coloro che non potranno pagare Imu, Tari, Tasi e Servizio Idrico Integrato, potranno compensare il costo delle tariffe effettuando assistenza domiciliare ad anziani o disabili non autosufficienti, manutenzione stradale, del verde pubblico, degli immobili comunali o dell’impianto per il ciclo integrato delle acque, supportare l’attività della Protezione civile o quella amministrativa dell’Ente. Quantificato l’importo delle tasse, il Comune determinerà, in ore, quanto lavoro servirà per saldare il debito: la morosità potrà così essere annullata totalmente o parzialmente.

Un’iniziativa adottata dal Comune di Saracena, guidato dal sindaco, Mario Albino Gagliardi, «consapevole del periodo di crisi e delle serie difficoltà economiche che quotidianamente i contribuenti sono costretti ad affrontare». Per usufruire di questa forma di agevolazione, i cittadini dovranno presentare al Comune la dichiarazione Isee dell’intero nucleo familiare di appartenenza, l’autocertificazione attestante la mancanza di lavoro e di altre entrate di tutti i componenti della famiglia e copia di un valido documento d’ identità.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *