Redazione Paese24.it

Sequestrati depuratori a Rossano e otto discariche abusive nel cosentino

Sequestrati depuratori a Rossano e otto discariche abusive nel cosentino
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Corigliano Calabro, Pietrapaola, Rossano, Spezzano Albanese, Trebisacce, Amendolara, Cariati, le aree interessate

Download PDF

La Guardia costiera di Corigliano Calabro, durante un’attività di vigilanza e controllo sul litorale di competenza e nell’entroterra, per la tutela dell’ambiente, ha sottoposto a sequestro penale tre depuratori e oltre 11.000 metri quadrati di terreni adibiti a discarica abusiva. Nel territorio di Rossano, il non corretto funzionamento degli impianti in località Seggio e Piragineti avrebbe causato il deturpamento di due torrenti (Coserie e Cino Piccolo), mentre a Scala Coeli, quello in località Ranieri risultava fermo ed i reflui erano sversati nel vallone Miceli, che si presentava gravemente deturpato. In tutti i casi i responsabili sono stati segnalati all’Autorità giudiziaria.

foto depuratore piragineti-ridottoInoltre, sono stati individuati otto depositi incontrollati di rifiuti speciali (pericolosi e non) costituiti, in molti casi, da ingenti quantitativi di eternit smaltito illecitamente. Le aree interessate ricadono nei comuni di: Corigliano Calabro, Pietrapaola, Rossano, Spezzano Albanese, Trebisacce, Amendolara, Cariati, per un totale di 11.000 metri quadrati, in quasi tutti i casi, lungo gli argini o in prossimità di foci di fiumi e torrenti e comunque in zone tutelate da vincolo paesaggistico ambientale. I terreni sono stati sottoposti a sequestro penale ed affidati in custodia giudiziaria, per le successive azioni necessarie per la bonifica, ai responsabili dell’Ufficio ambiente dei comuni competenti per territorio.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *