Redazione Paese24.it

Cassano, vescovo Savino in visita al Palazzo di Città

Cassano, vescovo Savino in visita al Palazzo di Città
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

«Ringraziamo mons. Francesco Savino per esserci venuto a fare visita». Con queste parole il sindaco di Cassano all’Jonio, Giovanni Papasso, ha accolto il vescovo della Diocesi, in visita al Palazzo di Città. A fare gli onori di casa, oltre al primo cittadino, gli assessori Paola Grosso, Alessandra Oriolo, Luigi Garofalo, Stefano Petrosino e Salvatore Tricoci, il presidente del consiglio comunale, Mario Guaragna, il comandante della Polizia Municipale, Pietro Atene, il segretario comunale, Antonio Fasanella, il direttore degli affari generali, Salvatore Celiberto, alcuni dipendenti e due unità dei vigili urbani.

«Una vera e propria benedizione». Così il sindaco Papasso ha definito mons. Savino. «Da quando è arrivato ha girato in lungo e in largo la Diocesi e sta la maggior parte del suo tempo in mezzo alla gente. Noi come amministrazione siamo aperti al confronto e alla collaborazione». Il primo cittadino ha poi parlato delle «tante proposte in cantiere. Cassano – ha detto Papasso – ha bisogno di un pastore presente la cui guida spirituale e umana sia da traghetto per lo sviluppo dei progetti». Molti gli argomenti trattati durante il dialogo tra gli amministratori: sanità, ambiente e infrastrutture. «Voglio essere un vescovo fatto popolo, un pastore che odori di pecore – ha risposto il presule. Il modello da voler realizzare, come dice Papa Francesco, è quello di una Chiesa in uscita aperta ad ascoltare i bisogni della gente. Questi primi 100 giorni li ho trascorsi a conoscere la mia Diocesi e la sua gente». Prima dei saluti gli amministratori hanno donato a mons. Savino una foto che ritrae la consegna delle chiavi della città durante il suo ingresso in Diocesi.

Dopo l’incontro, il vescovo è partito alla volta di Roma per partecipare alla veglia di preghiera, in Piazza San Pietro, voluta da Papa Francesco in occasione del Sinodo delle famiglie.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *