Redazione Paese24.it

A Rossano e Corigliano scatta la protesta dei lavoratori in mobilità

A Rossano e Corigliano scatta la protesta dei lavoratori in mobilità
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Prosegue la protesta dei 90 lavoratori in mobilità assegnati ai comuni di Corigliano e Rossano. Questi, in occasione dell’inaugurazione del nuovo anno scolastico 2015-2016 nella città bizantina, hanno presidiato, nella mattinata di lunedì 5 ottobre, l’Istituto “Ettore Majorana” per lanciare il loro appello alle diverse autorità invitate alla cerimonia di inaugurazione. I lavoratori sono stati ascoltati dall’Arcivescovo della diocesi di Rossano-Cariati, S.E. Mons. Giuseppe Satriano, e dall’assessore regionale al lavoro, Federica Roccisano, dove i due rappresentanti istituzionali hanno manifestato il loro personale impegno per riuscire a trovare, in tempi brevi, una soluzione alla vicenda. Il contratto per i novanta lavoratori in mobilità in deroga (11 unità in forza al Comune di Rossano e 84 al comune di Corigliano Calabro), dopo aver partecipato ai tirocini formativi presso i due importanti municipi della fascia jonica cosentina, è scaduto lo scorso 30 settembre. Questi, a gran voce, chiedono alla Regione Calabria la proroga del contratto in modo tale da continuare a lavorare all’interno dei due Enti comunali. Le Amministrazioni comunali delle due città dell’area urbana Corigliano-Rossano, nei giorni scorsi, hanno inoltrato sia al Presidente Mario Oliverio e sia all’Assessore regionale al lavoro, Federica Roccisano, la formale richiesta di proroga del contratto per i lavoratori in deroga, motivata dalle necessità oggettive palesate dai due Enti nel dover far fronte alle numerose esigenze derivanti dall’alluvione del 12 agosto e per la quale il Consiglio dei Ministri, il 27 agosto scorso, ha decretato lo Stato di Emergenza che i due Comuni, insieme al nominato Commissario ad acta, sono stati chiamati a gestire. 90 unità in più, dunque, permetterebbe ai due comuni di gestire al meglio le diverse esigenze per quanto riguarda il buon funzionamento della macchina comunale. 

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *