Redazione Paese24.it

Il sindaco di Nocara replica al nostro articolo sulla fusione dei comuni

Il sindaco di Nocara replica al nostro articolo sulla fusione dei comuni
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Pubblichiamo la replica del sindaco di Nocara, Franco Trebisacce, in merito all’articolo sulla fusione dei comuni pubblicato dal nostro giornale

Gent.mo Direttore, dopo aver letto l’articolo pubblicato il 10 u.s. sulla fusione dei comuni della Presila, intervengo per portare alcuni elementi di riflessione. Non conosco bene il territorio della Presila, per questo non esprimo giudizi sulle ragioni che hanno portato i 5 comuni interessati a questo progetto di fusione. Da amministratore di lungo corso, conosco bene l’Alto Jonio,  il suo territorio e le sue specificità. E’ purtroppo vero i paesi dell’Alto Jonio e soprattutto quelli del suo entroterra  rischiano di sparire. Non mi avventuro in analisi storico-politico per spiegare le ragioni che hanno portato questo territorio e l’intero sud alla drammatica situazione attuale, la complessità dell’argomento merita ben più di poche righe di una missiva da discutere in altra sede.

Non capisco da quale assunto nasca il pensiero secondo il quale l’Alto Jonio avrebbe le caratteristiche geografiche e culturali per andare verso la fusione dei comuni. La corte dei Conti ha recentemente affermato che l’obbligatorietà delle funzioni associate o le fusioni non sono significative né di una migliore qualità dei servizi né di una economia nella gestione degli enti. Gli amministratori di oggi con grande anticipo rispetto alla sciagurata legge Del Rio, hanno modificato l’idea di gestione amministrativa, associando già  da tempo i servizi comunali. Sulla questione identitaria sono tante le scuole di pensiero. Credo però,  si sia lavorato non poco per difendere e mantenere la propria identità con il lavoro di tutti i giorni, difendendo l’esistenza delle  proprie comunità. Ritengo sbagliato, nonché ingeneroso attribuire la responsabilità dei tanti attuali  problemi come frutto “di anni e anni di politiche amministrative sbagliate”. Come è noto la chiusura delle scuole è dovuta al  calo delle nascite,  che poi finisce per  generarne  la chiusura,  fenomeno questo  certamente più grande dell’attività di un piccolo comune.  I Sindaci dell’Alto Jonio si rimboccano le maniche e fanno scelte coraggiose quando tutti i giorni,  tentano di respingere i tentativi del  governo tesi alla eliminazione delle proprie comunità. Chi è chiamato a presidiare il proprio territorio, merita senz’altro maggiore rispetto e maggiore considerazione. “Piove Governo ladro” è un motto che  non appartiene ormai da tempo agli amministratori dell’Alto Jonio. Organizzare la vita di un paese o di un territorio in base alle risorse disponibili e non in base alle proprie  legittime aspettative è l’errore più grande che la politica può fare nei confronti dei suoi amministrati. 

Francesco Trebisacce, sindaco di Nocara

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *