Redazione Paese24.it

Trebisacce, «indecente aumento tassa rifiuti». Maggioranza sotto accusa

Trebisacce, «indecente aumento tassa rifiuti». Maggioranza sotto accusa
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Bollette rifiuti (TARI) mediamente raddoppiate per le famiglie e triplicate per alcune categorie commerciali: monta la protesta tra i contribuenti di Trebisacce mentre la Minoranza definisce illegittimi gli aumenti perché introdotti fuori tempo massimo e invita pertanto i cittadini a non accettare gli aumenti ed a pagare gli stessi importi dell’anno scorso. Secondo quanto ha sostenuto la Minoranza di “Trebisacce Futuro” in un’apposita conferenza-stampa, i 7 consiglieri di Maggioranza, assenti i consiglieri di Minoranza Davide Cavallo e Rocco Corvino e con il voto contrario del capo-gruppo Pino Sposato e dell’ex assessore Dino Vitola, hanno approvato le nuove aliquote in data 4 settembre 2015 e non entro il 30 luglio 2015 come prevedeva la normativa, per cui gli aumenti, secondo legge, non possono essere retroattivi e comprendere l’annualità 2015 ma scatteranno semmai dal  I° gennaio 2016. Da qui il suggerimento alle famiglie ed ai commercianti di non pagare gli aumenti e di pretendere di pagare le bollette secondo le vecchie tariffe.

«La tassa sui rifiuti – hanno sostenuto quelli di “Trebisacce Futuro“ Pino Sposato e Paolo Accoti dopo aver incassato il parere tecnico della dottoressa Loredana Latronico – per alcune famiglie è più che raddoppiata mentre per i commercianti l’aumento medio è del 260% e va quindi ben oltre i limiti della decenza. Si tratta di maggiorazioni che rischiano di mettere definitivamente in ginocchio l’intera comunità. Va bene risanare le esanime casse comunali – si legge in una nota consegnata alla stampa – ma non si comprende perché il risanamento debba pesare solo sul portafoglio dei cittadini e dei commercianti e non su quello di coloro i quali hanno portato il comune al dissesto economico-finanziario. Ma nella fretta di mettere le mani nei portafogli – concludono quelli di “Trebisacce Futuro” con Delibera alla mano – i nostri amministratori hanno commesso un “peccato di gola” perché gli aumenti al più possono essere applicati con decorrenza I° gennaio 2016 e sono pertanto illegittimi se applicati nell’annualità 2015». In realtà nei giorni scorsi i commercianti aderenti all’Assopec, su iniziativa del presidente Serafino Zangaro, hanno incontrato il sindaco Mundo e chiesto spiegazioni. Il sindaco ha spiegato che, in base alla nuove disposizioni, gli aumenti sono stati contenuti entro il 20%. L’esito dell’incontro è stato interlocutorio e si prevedono altri incontri ma, con i tempi che, è difficile far digerire aumenti che rischiano di mettere sul lastrico diversi esercenti.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *