Redazione Paese24.it

Rende. Realizzano strada abusiva in un bosco, indagate cinque persone

Rende. Realizzano strada abusiva in un bosco, indagate cinque persone
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Una strada e una piazzola che sbucano fuori da un bosco, realizzate nessun tipo di autorizzazione. Succede anche questo in Calabria, precisamente in località Silvi di Rende. La scoperta è stata fatta, in seguito a specifici controlli, dal Comando della stazione forestale di Rende, che ha provveduto successivamente a deferire cinque persone e a porre sotto sequestro una vasta area. Per la realizzazione delle strada e della piazzola, secondo quanto accertato dal Corpo forestale, «è stata effettuata la movimentazione di diverse centinaia di metri cubi di terreno saldo vincolato, attraverso i quali si è realizzato anche un notevole terrapieno al fine di superare un impluvio naturale, con la conseguente estirpazione e lo sradicamento di piante forestali di quercia, castagno e carpino, nonché di numerose piante di olivo». L’opera edile è stata realizzata in assenza di titolo abilitativo inerente al vincolo idrogeologico forestale (relativamente al cambio di destinazione d’uso del suolo interessato dall’intervento edilizio), di autorizzazione  paesaggistico ambientale necessaria all’estirpazione e al cambio di destinazione d’uso dell’area interessata da intervento nonché, in ultimo, dal necessario permesso a costruire previsto dalla normativa urbanistico edilizia.

Le opere edili sono state poste sotto sequestro, mentre  gli autori e i responsabili a vario titolo dell’illecito sono stati deferiti alla competente autorità giudiziaria per le violazioni della normativa urbanistico edilizia e paesaggistico ambientale. Sono state contestate, inoltre, sanzioni amministrative per un importo di poco superiore ai 18.000 euro in relazioni alle violazioni alla normativa di tutela idrogeologico-forestale nonché della specifica norma regionale posta a tutela delle piante di olivo.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *