Redazione Paese24.it

La pochezza politica dell’Alto Jonio. Nuova idea dopo fallimento “Unione dei Comuni”

La pochezza politica dell’Alto Jonio. Nuova idea dopo fallimento “Unione dei Comuni”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Si torna a parlare di unione dei comuni cercando di ridare vita, tra i comuni che “ci stanno”, a un soggetto politico di cui molti avvertono l’esigenza per recuperare l’omogeneità territoriale perduta e per acquisire maggiore forza di negoziazione politica. L’occasione per i sindaci di tornare a dialogare su questo tema è stato l’incontro svoltosi a Villapiana sabato scorso in occasione del summit sui ritardi che riguardano al S.S. 106. Un argomento, questo, che ha fatto venire in mente a tutti la necessità di fare squadra e di evitare di fare i “don Chisciotte” di fronte a problemi che vanno ben oltre i singoli campanili. Si tratta in realtà di ridare vita, magari cambiandone per scaramanzia anche il nome, ad un soggetto politico, l’Unione dei comuni “La via del mare”, che è abortita sul nascere e che comprendeva i comuni rivieraschi di Amendolara, Francavilla Marittima, Rocca Imperiale, Roseto Capo Spulico, Trebisacce e Villapiana decisi, allora, a dare vita ad un soggetto aggregante dopo “la cacciata” di questi comuni dalla Comunità Montana dell’Alto Jonio.

E’ inutile a questo punto state a discutere di chi è stata la colpa del naufragio di un soggetto nato sotto i migliori auspici. Il risultato evidente è che l’Alto Jonio, indebolito politicamente è diventato sempre più emarginato e impoverito perché non riesce a far valere le proprie ragioni in nessun settore e in nessun contesto politico. Da qui l’esigenza, avvertita purtroppo da pochi sindaci e non da tutti, di ricostituire un soggetto istituzionale che aiuti a fare squadra. Se ne comincia a parlare da parte di pochi sindaci, decisi questa volta a non pregare nessuno ed a costituire l’unione dei comuni che “ci stanno”. Saranno gli altri, quelli che resteranno fuori, a dover spiegare ai propri cittadini, la scelta di rimanerne fuori e di scegliere di fare i solisti piuttosto che entrare in un coro polifonico.

Pino La Rocca

Share Button

One Response to La pochezza politica dell’Alto Jonio. Nuova idea dopo fallimento “Unione dei Comuni”

  1. GIUSEPPE PAGANO 2015/11/05 at 07:01

    Bisogna ricordare che l’Alto Ionio cosentino è un serbatoio di voti della sinistra ed in particolare del PD.I paesi della zona sono quasi tutti amministrati da sindaci di sinistra.Conclusioni:lo stato attuale di pochezza politica ,così come sostiene l’autore dell’articolo, è da addebitarsi solo ed esclusivamente alla sinistra del luogo.I sindaci appartenenti a questa parte politica farebbero meglio a tacere.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *