Redazione Paese24.it

«Halloween? No, grazie». Oriolo risponde con una fiaccolata mariana

«Halloween? No, grazie». Oriolo risponde con una fiaccolata mariana
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Nonostante la pioggia e le frane che hanno messo in ginocchio Oriolo, la comunità cattolica non si é lasciata perdere d’animo ed é scesa per le strade con una fiaccolata di preghiera. L’iniziativa di fede, organizzata dal parroco don Nicola De Luca, si é svolta nel giorno di Halloween, ricorrenza che da sempre divide il mondo cattolico per le origini e le usanze legate a questo giorno, per celebrare la chiusura del mese mariano e preparasi alla solennità del giorni di Ognissanti, ma anche per invocare custodia e conforto nella Madre Celeste affinché possa sollevare l’intera comunità dalla tentazione dello sconforto e della disperazione. La notte del 31 ottobre, Oriolo è stata illuminata dalle fiaccole di tanti fedeli, bambini e adulti, accompagnati dalla loro guida spirituale, per pregare insieme e affermare con forza che “Holy Win”, che i Santi Vincono.

La singolare iniziativa intrapresa da don Nicola, oltre ad avere una forte valenza spirituale e a rappresentare un importante momento di unione per l’intera cittadinanza, che ormai da tempo convive con l’incubo delle frane, si pone in netta opposizione con la notte di Halloween e con gli usi e costumi di questa ricorrenza. Unire tutti, adulti e bambini, sotto lo stesso cielo, tra i vicoli martoriati dalla pioggia e dagli smottamenti, rappresenta una risposta concreta da parte della Chiesa all’immenso bisogno di contatto umano, di conforto, di speranza, che alberga in ognuno di noi. E quella notte, le tante lucine accese nel buio, la partecipazione dei fedeli in processione e la gioia di vivere un momento di preghiera e di unione hanno davvero vinto su tutto.

Giovanni Pirillo

Share Button

One Response to «Halloween? No, grazie». Oriolo risponde con una fiaccolata mariana

  1. luigi Casella 2015/11/04 at 04:55

    I “CUCUZZARI” non sono riusciti a contaminare una cittadina come ORIOLO, congratulazioni vivissime a tutti, le “TESTE DI ZUCCA” sono altrove……
    Luigi Casella

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *