Redazione Paese24.it

Rossano, il baby consiglio comunale a confronto con i politici locali

Rossano, il baby consiglio comunale a confronto con i politici locali
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Interessante incontro-dibattito tra i giovani del consiglio comunale dei ragazzi ed i rappresentanti del mondo politico rossanese che, all’interno della sede “Odv-Insieme” allo Scalo cittadino, si sono confrontati sul futuro della Centrale Termoelettrica di Rossano, la quale, dopo il NO alla riconversione a carbone da parte della politica locale e regionale, è destinata, prossimamente, a chiudere i battenti in cui sono a rischio, tra l’altro, numerosi posti di lavoro. La tutela dell’ambiente è stato il tema verso il quale i  giovani consiglieri, fin dal loro insediamento, hanno dimostrato particolare interesse e sensibilità. L’incontro è stato introdotto dal Presidente dell’Odv-Insieme, Francesco Polimeni, il quale, nel corso suo intervento, ha ricordato che la finalità del Consiglio comunale di Rossano è quella di educare le nuove generazioni all’impegno politico come servizio e non come esercizio di potere. In merito al futuro della Centrale Enel di Contrada Sant’Irene, poi, sono state formulate una serie di domande ai diversi politici presenti all’incontro, al fine di trovare una soluzione al problema e di tutelare, oltre ai numerosi posti di lavoro, l’ambiente circostante. Tra le numerose proposte vi è la necessità di bonificare il sito e di mettere in atto  una serie di progetti finalizzati ad utilizzare le energie rinnovabili. Nessuno dei politici, nel rispondere alle diverse domande dei giovani consiglieri comunali, ha nascosto la difficoltà di trovare i mezzi per portare avanti progetti di tal genere, ma sembra condivisa l’idea di organizzare un tavolo di lavoro in cui far convergere tutte le forze politiche locali e non, al fine di bonificare per far progredire una città, come Rossano, che possiede possibilità di promozione del proprio territorio in modo tale da valorizzare il suo immenso patrimonio storico, culturale, naturalistico ed ambientale.

L’incontro si è protratto per circa due ore, in un clima di familiarità, che ha stimolato i ragazzi a fare delle domande anche su altre problematiche come il rispetto della legalità nel territorio, la piaga del voto di scambio, l’importanza di far valere alle competenze nell’affidare incarichi di responsabilità. Valeria Caliò, assessore alle Politiche ambientali, ha chiesto se fosse possibile smantellare la Centrale. I politici, su questo argomento, si sono divisi e la maggior parte ha espresso il proprio scetticismo sulla fattibilità visti gli alti costi di una simile operazione. Alide Petrelli, assessore alla Legalità, ha incentrato il suo intervento sull’opportunità di impedire che, in un territorio come Rossano, ci sia qualcuno che lo deturpi e lo sfrutti per facili guadagni. Su questo delicato punto tutti hanno concordato che c’è bisogno di rendere trasparenti gli atti amministrativi relativi alle opere che dovranno essere autorizzate e realizzate. A tale scopo sarebbe opportuno che le riunioni di Giunta venissero trasmessi in diretta streaming. Le differenti opinioni hanno avuto il sapore della buona volontà di riuscire a trovare la soluzione migliore alle diverse problematiche del territorio. I giovani consiglieri sono stati invitati, dai politici locali, a non cadere nel qualunquismo, oggi in voga, di considerare la politica “sporca.” E’ stato detto loro che allontanarsi dalla cittadinanza attiva significa lasciare spazio a chi vuole solo soddisfare i suoi sporchi interessi. Ha chiuso i lavori dell’incontro-dibattito il baby-sindaco, Martina Romano, che ha fatto gli auguri ai politici presenti all’iniziativa rivolgendo loro le parole di San Francesco, riportate nell’Enciclica del Papa, “Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile.” Messaggio, quello lanciato dal baby-sindaco, condiviso pienamente dai politici. All’incontro-dibatto hanno preso parte Tonino Caracciolo, Ernesto Rapani, Leonardo Trento, Francesco Madeo, Giuseppe Marincolo, Michelangelo Minnicelli e Flavio Stasi. Nutrita, poi, la presenza del Consiglio Comunale dei Ragazzi formato da Martina Romano (Sindaco), Giorgia Rossi (Vice-Sindaco), Maria Pia Greco (Presidente del Consiglio comunale), Alide Petrelli (Assessore alla Legalità), Valeria Caliò (Assessore alle Politiche Ambientali) e dai consiglieri: Alessia Converso, Ester Corsino e Alessia La Pietra. Complimenti, infine, ai fautori dell’iniziativa finalizzata, in modo particolare, nell’affrontare le numerose problematiche del territorio che stanno a cuore ai numerosi cittadini.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *