Redazione Paese24.it

Spoke di Castrovillari. «Pretendiamo il rispetto del decreto»

Spoke di Castrovillari. «Pretendiamo il rispetto del decreto»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Al consiglio comunale aperto hanno partecipato sindaci, associazioni e sindacati del territorio

Download PDF

«Il diritto alla salute deve essere salvaguardato. I cittadini del comprensorio hanno il diritto di essere curati e assistiti qui». E’ il coro unanime emerso durante il consiglio comunale aperto, tenutosi ieri (3 novembre), a Castrovillari, nella sala 14 del Protoconvento francescano, per discutere della questione sanità, in un contesto troppo spesso precario. Uno scudo contro altri “scippi” – formato da sindaci, associazioni, sindacati e dalla popolazione intera – pronto alla mobilitazione generale qualora, a breve, non si dovessero ottenere risultati concreti sulla base di ciò che il decreto (del 9 aprile 2015) prevede per l’ospedale spoke di Castrovillari: in una parola, il potenziamento del nosocomio.

Il consiglio ha votato all’unanimità l’unico punto all’ordine del giorno «nel quale – si legge in una nota – oltre ad esprimere una vibrata protesta al Governatore della Calabria, al Commissario straordinario regionale per l’emergenza Sanità ed al Commissario dell’Azienda Provinciale di Cosenza per i ritardi di perfezionamento che registrano le Unità Operative con i servizi che eroga l’ospedale di riferimento di Castrovillari, nonostante le indicazioni del decreto circa le specifiche previste per tale tipo di nosocomio, pretende, senza chiedere favori, l’immediata esigibilità dello stesso e che l’iter si completi in tempi certi con i servizi territoriali per la salute». Il documento prevede, oltre all’aumento dei posti letto da 100 (quanti sono attualmente) a 223 così come la legge assegna a Castrovillari, alla risoluzione dei problemi che registrano le unità operative e al potenziamento dei servizi, la costituzione di una commissione territoriale costituita da cinque consiglieri comunali (tre di maggioranza e due di minoranza), due membri del Comitato territoriale delle associazioni per la salute, da rappresentanti di altre Amministrazioni del comprensorio e dalle forze sociali, che potrà coordinare così le iniziative intraprese. Oltre a Ferdinando Laghi che ha relazionato sulla questione sanità, al sindaco di Castrovillari, Mimmo Lo Polito, e ai consiglieri comunali, sono intervenuti i sindaci di Mormanno, Saracena e Morano Calabro, rispettivamente Guglielmo Armentano, Mario Albino Gagliardi e Nicolò De Bartolo, il segretario comprensoriale della Cgil Franco Spingola, i presidenti delle associazioni di volontariato “Famiglie Disabili” ed “Avis”, Salvatore Grisolia e Pino Angelastro, nonché il presidente dell’Ordine provinciale dei Medici, Eugenio Concione, e l’operatore Roberto Senise. Tutti hanno ribadito l’importanza di battersi per la tutela e la crescita dei servizi della sanità nel comprensorio, attualmente deboli, e per garantire i livelli minimi di assistenza, ormai a rischio.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *