Redazione Paese24.it

Ss 106, Cinque Stelle: «Cittadini scelgano tracciato con incontri pubblici»

Ss 106, Cinque Stelle: «Cittadini scelgano tracciato con incontri pubblici»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Dal momento che il tracciato della nuova S.S. 106 è destinato ad impattare fortemente sul territorio, lo devono scegliere i cittadini attraverso incontri e dibattiti pubblici. E’ quanto hanno sostenuto gli esponenti del Movimento 5Stelle nel corso di un acceso dibattito introdotto dal sindaco di casa Franco Mundo a cui ha preso parte l’euro-parlamentare Laura Ferrara che si è impegnata a portare la questione sul tavolo dell’Unione Europea ed a sollecitare la deputazione nazionale del Movimento a spingere perchè il 3° Megalotto si faccia ma attraverso un progetto diverso da quello attuale, che salvaguardi il territorio ed eviti lo spreco di denaro pubblico.

E’ proprio su questo tasto che hanno insistito i due tecnici del movimento, gli ingegneri Sante Camo e Marco Martens preoccupati, a loro dire, che il costo esagerato dei lavori possa danneggiare il territorio e favorire (vedi la corruzione scoperta in seno all’Anas) solo le lobby del cemento e degli appalti. Alle relazioni dei tecnici è seguito un animato dibattito a cui, tra gli altri, ha contribuito l’avv. Rinaldo Chidichimo da sempre convinto che questo progetto devasti il territorio e che il pur necessario adeguamento dell’attuale S.S. 106 debba essere realizzato attraverso il raddoppio dell’esistente.

Del resto la preoccupazione che i costi del progetto siano lievitati in modo esagerato è condivisa dallo stesso ministro Delrio il quale, nel corso di un “Question time” alla Camera, ha confermato che la S.S. 106 rimane una priorità per l’attuale Governo, ma bisognerà rivedere il progetto per puntare ad un deciso abbassamento dei costi. Cosa, questa, che è stata variamente commentata trovando il “favore” di quanti si battono per la tutela dell’ambiente e la “contrarietà” dei sindaci, dell’associazione “Basta vittime sulla S.S. 106” e di quanti, compresi i sindacati, temono che si tratti di un pretesto per prendere tempo e magari per spostare altrove i finanziamenti destinati alla S.S. 106.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *