Redazione Paese24.it

A Zagarise il paese diventa centro di cultura

A Zagarise il paese diventa centro di cultura
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Giardini delle Esperidi, in programma dal 13 al 15 novembre

Download PDF

«La cultura non è più lontana, rintracciabile solo in una personalità da Nobel o in blasonati eventi internazionali da imitare; è piuttosto quello che ci circonda, il modo di guardare al presente e al futuro del territorio che ci ha visto nascere. Cultura è il cibo che ci nutre, la poesia che trasuda da secoli di tradizione in luoghi considerati periferici, magari fuori dai circuiti mediatici del sistema». Una cultura della gente, di tutto ciò che viene vissuto e toccato, che vaga tra le storie, guarda al futuro sulla scia delle tradizioni e vede nel paese il centro della sua esistenza. E’ questo il senso di #BorgoinFesta Giardini delle Esperidi, evento promosso dal Comune di Zagarise, guidato dal sindaco, Domenico Gallelli, e la direzione artistica di Maria Faragò, che si svolgerà il 13, 14 e 15 novembre nella città del catanzarese. Degustazioni, libri, musica, arte, natura, botanica, etnologia, gastronomia. Un viaggio lungo un weekend, dove protagonista sarà tutta la comunità di Zagarise, chiamata a dialogare con i musicisti, poeti, scrittori in un reciproco scambio di idee. Ma non solo. Saranno anche i luoghi a raccontare: dalle montagne della Sila Piccola alle viuzze del paese di Zagarise, in un eco di storie, canti e poesie orali.

Il festival è stato presentato durante una conferenza stampa, aperta dal video girato dal regista Enrico Pulice, che riscopre in ogni inquadratura le bellezze naturali e architettoniche del paese e di tutta la Presila. Obiettivi comuni raggruppati da #BF Giardini delle Esperidi, co-finanziato con POR Calabria FESR 2007/2013 dalla Regione Calabria, che ha «il merito – si legge in una nota – di aver creduto e investito in una piccola realtà, riconoscendone la positività delle risorse e la progettualità». Alla conferenza, tenutasi nella sala giunta del Palazzo della Provincia di Catanzaro, sono intervenuti il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, il sindaco di Zagarise, Domenico Gallelli, la direttrice artistica dell’evento Maria Faragò, Giuseppe Soriero, membro del Comitato Svimez e presidente dell’associazione “Il Campo”, Ada Occhiuzzi, rappresentante del Parco Nazionale della Sila, e Rita Tulelli, presidente dell’associazione “Universo Minori”.

Federica Grisolia

Share Button

4 Responses to A Zagarise il paese diventa centro di cultura

  1. domenico 2015/11/10 at 21:36

    come mai è sparito il mio commento? la verità a qualcuno fa male.

    Rispondi
    • Redazione Paese24.it 2015/11/11 at 14:25

      Abbiamo rimosso il suo commento semplicemente perchè non c’entrava nulla con l’argomento dell’articolo. Saluti, La redazione

      Rispondi
  2. domenico 2015/11/13 at 19:04

    allora commentiamo l’argomento cultura ( il sindaco nel video dichiara che il primo insediamento abitativo è avvenuto nel XIV secolo…..n.b le date delle chiese 1.330 e 1.500 …. signor Sindaco nasce prima la Chiesa a Zagarise …. poi ci vanno a abitare , ancora prima la torre,la chiesa e poi gli insediamenti…. credetemi è difficile starvi dietro alle date che ci dite…chiedo venia a qualche componente dell’amministrazione Comunale….. poi ancora dice che il portale della chiesa è antico ( per tutti i cittadini di Zagarise e a questa Redazione ;
    Anche il portale della Chiesa del Rosario non è antico. E’ stato fatto fare da Don Egidio con una lotteria. La gente ha comprato e venduto i biglietti. E’ di epoca recentissima . anni 90…………….. è vero ogni prete ha una sua storia a Zagarise come altrove.
    Ancora il sindaco Domenico Gallelli alla giornalista Rosanna Bergamo dice che ha riportato la pietra fatta passare per sacra in paese, gentile redazione anche questa affermazione è falsa, la pietra non è mai stata in paese, se il sindaco vuole smentire può sempre farlo, ma che dica la verità, voi scrivete quello che vi viene detto ma dateci l’opportunità di smentirli. grazie d.d

    Rispondi
  3. domenico 2015/11/13 at 19:08

    chiedo scusa, le falsità non portano cultura e informazione, ma disinformazione.
    se il sindaco Domenico Gallelli vuole replicare e smentire quanto scrivo lo faccia pure.
    Ma scrivendo verità.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *