Redazione Paese24.it

Calabria. Acqua pubblica, il coordinamento “Arcuri” chiede subito la legge

Calabria. Acqua pubblica, il coordinamento “Arcuri” chiede subito la legge
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il coordinamento calabrese acqua pubblica “Bruno Arcuri” torna a chiedere con forza la gestione pubblica del ciclo integrato dell’acqua. Il network di comitati e associazioni ha inviato una missiva all’Onorevole Domenico Bevacqua, neo Presidente della IV Commissione “Assetto e utilizzazione del territorio e protezione dell’ambiente”, spiegando che, mesi fa, è stato evitato il commissariamento del servizio idrico integrato «grazie all’approvazione in Giunta di un disegno di legge per l’istituzione dell’ente di governo, che nulla però diceva rispetto la gestione e soprattutto lasciando ancora in piedi la Sorical, in perenne fase di liquidazione ma sempre pronta a minacciare i Comuni morosi del taglio della fornitura». Secondo il coordinamento calabrese acqua pubblica questo atteggiamento ha rappresentato «uno schiaffo alle leggi, alla democrazia e alla dignità dei calabresi se si considera che quelle somme che la Sorical pretende, sono gravate da aumenti illeciti, come da noi denunciato da anni e come riconosciuto dalla Corte dei Conti calabrese».

Per il coordinamento «diventa sempre più urgente che il Consiglio Regionale affronti finalmente la questione Sorical, e per noi, per i tanti sottoscrittori e per lo stesso regolamento questa discussione non può che partire dalla nostra proposta di legge di iniziativa popolare e presentata nel luglio del 2013, la PL 499/IX, “Tutela, governo e gestione pubblica del ciclo integrato dell’acqua”, sottoscritta da 11mila calabresi e 20 consigli comunali».

 Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *